Appunti di viaggio e scommesse con me stessa…

Stampa / Print

“Ma i veri viaggiatori partono per partire e basta: cuori lievi, simili a palloncini che solo il caso muove eternamente, dicono sempre “Andiamo”, e non sanno perché. I loro desideri hanno le forme delle nuvole”. (Charles Baudelaire)
Quello che contava non era la meta, bensì la voglia di uscire dal giro dell’abitudine, partire solo con la voglia di andare e scoprire che poi mi ero (ri)trovata, più forte di prima.  
 Oggi vi porto a Varenna, la perla del Lago di Como
Partenza in treno, da Milano Centrale, posto vicino al finestrino e pensieri che lascio liberi, si confondono tra il verde dei campi, si mescolano con l’azzurro del cielo, che resta, fino alla fine della giornata.
Arrivo presto, c’è ancora pochissima gente per le strade, mi godo il silenzio e le visuali che il paesaggio mi offre.
Si inizia dalla passeggiata che costeggia il lago, c’è un venticello leggero…
E’ una passeggiata “romantica”, in fondo io mi considero sempre innamorata, di tutto ciò che mi fa stare bene.
Piccoli “non ti scordar di me” sono lungo il viale, puntinano le aiuole di un colore delicato; sono certa che sono lì per ricordarmi di tenere a mente tutte le cose che davvero sono importanti…
E poi pontili e attracchi per le barche…lasciarsi andare e poi sostare nei luoghi sicuri…

Qualche nuvola morbida inizia a prendere forma, ma non disturba…
  
Ecco il cuore di Varenna, colorato, accogliente, artistico, semplice.

Mi sposto a Villa Monastero, non ci sono ancora moltissimi fiori purtroppo, ma imparo a godere di quello che c’è..
 
Eccomi qui, armata di macchina fotografica, sorriso e voglia di fare una cosa che non riuscivo a fare: viaggiare da sola. E’ questa la mia scommessa, riuscire a convivere serenamente con la solitudine, perché non sempre abbiamo compagni di viaggio, ma non per questo dobbiamo fermarci.
“Il tempo potrebbe passare,
e questa pioggia paradossalmente potrebbe non finire mai.
E noi con questo ombrelluccio bucato che ci potremmo inventare?
Ma partiamo, partiamo” 
(Viaggi e Miraggi – F. De Gregori)
Le viste sul paesaggio sono molto belle

 
 Qualche rosa, molti glicini, tante violette e alcuni alberi di agrumi si trovano lungo il giardino…

E margherite, tantissime piccole margherite, che mi rispecchiano e che si specchiano sul velo dell’acqua, ormai hanno imparato a guardarsi dentro…

Ecco il percorso un po’ più faticoso, lungo il sentiero del Viandante c’è il percorso detto “Scabium” (quello che parte dalla Villa Monastero e arriva al Castello di Vezio)… la fatica sarà ricompensata, perchè il panorama è meraviglioso. Ci siamo io e la mia voglia di non arrendermi, anche quando sento che le gambe sono stanche.
 
Tante varietà di fiori lungo il percorso (ce ne sono due che è possibile seguire), sono uno più bello dell’altro…

E sul mio viaggio non potevo non incontrare un gatto! Anche lui è un insegnamento che ritrovo sulla strada, primo fra tutti la “fiducia”, che va regalata solo a chi la merita, e poi “che nulla si possiede”, si può amare, ma mai pensare o dare per scontato che qualcos’altro sia nostro.

Le porte non mancano mai, ma anche qui apprendo: se trovi una porta chiusa lungo il tuo cammino, non tentare per forza di volerla aprire a tutti i costi, vai avanti perchè magari non è quella la porta giusta.

 
  
Ed eccomi alla meta, il Castello di Vezio, è un piccolo rudere ormai, ma non ha nessuna importanza, è bello ugualmente. A fare compagnia al paesaggio, i fantasmi di garza…

La natura insegna che l’amore è ovunque, basta saper ascoltare e guardare attentamente…
Tardo pomeriggio, torno in paese e mi fermo per le ultime foto…

Seduta quasi a riva, guardo il lago e mi sento davvero felice…

Io e la mia forza di volonta siamo riuscite a superarci, e ora questa voglia non si arresta!

Alla fine della giornata mi sento un po’ stanca, ma tutte quelle salite mi hanno fatto soltanto bene.
Il tempo è stato clemente, il sole mi ha arrossato leggermente le gote.
Guardo il mondo con i miei occhi verdi e penso che d’ora in avanti nulla mi fermerà.
 
Approfitto per salutarvi e farvi gli auguri di Buona Pasqua!

Fonte(source) —LEGGI TUTTO(read more)—

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *