Open365: la suite cloud gratis e open source per l'ufficio!

Stampa / Print

Da quando la tecnologia cloud ha preso piede sono stati realizzati diversi servizi che permettono di gestire e lavorare su documenti, aziendali o personali, ovunque ci si trovi utilizzando sia un pc che dispositivi mobili. Basti pensare a servizi come Google Docs oppure Office365.

Ma benché questi servizi siano molto utili sono però gestiti da altre società. E se si volesse avere a disposizione un proprio servizio di questo genere e magari gratis? Il mondo open source viene in aiuto anche su questo fronte con Open365.

Si tratta di un progetto open source, basato su strumenti quali LibreOffice, KMail e Seafile, che permette di avere a disposizione sui propri server una piattaforma cloud di lavoro in grado di gestire e controllare tutti i documenti da più postazioni.

Questo servizio può essere utilizzato da un qualsiasi PC tramite un web browser, ma è disponibile anche il client per dispositivi Android liberamente scaricabile da Play store. In questo modo è possibile creare e modificare documenti, fogli di calcolo e presentazioni sia utilizzando gli strumenti online che uno smartphone o un tablet. Se sul proprio PC è installato LibreOffice i documenti possono anche essere lavorati in locale e poi sincronizzati con il cloud. I file così creati possono essere organizzati in cartelle e messi in condivisione con altri utenti della piattaforma.

Viene inoltre fornito un servizio di webmail completo di ogni funzione, come la rubrica e la lista delle cose da fare. Sarà così possibile scambiare documenti con altri utenti, inviandoli o ricevendoli non solo con quegli utenti che utilizzano Open365.

Quindi se volete mettere a disposizione della vostra azienda un servizio cloud di elaborazione dei documenti equivalente ai servizi più blasonati ma sotto il vostro totale controllo, allora non vi resta che provare Open365.

Se ti è piaciuto l’articolo, iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog!
Fonte(source) —LEGGI TUTTO(read more)—

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *