In Colombia 254 persone sono morte a causa di una frana, centinaia i dispersi

Stampa / Print
Le forti piogge che hanno colpito la città occidentale di Mocoa, nel Dipartimento di Putumayo, hanno provocato una frana che ha seppellito interi quartieri della città

La frana a Mocoa. Credit: Jaime Saldarriaga

Centinaia di persone risultano ancora disperse dopo la frana in Colombia che ha lasciato almeno 254 morti. Circa 1.100 persone sono impegnate nei soccorsi, tra soldati, Croce rossa e altre forze dell’ordine. Le forti piogge che hanno colpito la città sud-occidentale di Mocoa, nel Dipartimento di Putumayo, hanno provocato una frana che ha seppellito interi quartieri della città, costringendo i residenti a lasciare le proprie case.

Tra le cause principali del disastro vi sono le intense precipitazioni cadute nella zona nei giorni scorsi, che hanno reso il terreno più instabile. La frana che ha investito la città di Mocoa, dove risiedono 36mila abitanti, sono state provocate dallo straripamento dell’omonimo fiume. Secondo la Croce Rossa al momento non è chiaro quanti siano i dispersi.

Le piogge torrenziali delle scorse ore hanno causato lo straripamento dei corsi d’acqua: detriti e colate di fango hanno invaso le abitazioni che sorgono nella provincia di Putumayo. Due ponti sono stati distrutti e interi quartieri cancellati nella città di Mocoa, la più colpita.

Il presidente Juan Manuel Santos ha dichiarato lo stato di emergenza nella regione e si è recato nei luoghi colpiti dall’alluvione per coordinare i soccorsi.

L’Air Force colombiana sta portando attrezzature, acqua e medicine nell’area. “I nostri eroi rimarranno nella zona della tragedia, fino a quando l’emergenza sarà finita”, ha detto l’esercito in un comunicato.

Il sindaco di Mocoa, Jose Antonio Castro, ha detto ai media locali che la città è “totalmente isolata”, senza elettricità e acqua. Le frane hanno colpito diverse aree del paese negli ultimi mesi.

Fonte: The Post Internazionale
Fonte(source) —LEGGI TUTTO(read more)—

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *