Stampa / Print
di Gianni Lannes

Le bufale del potere in una colonia a stelle e strisce. E’ quello che gli epidemiologi temono molto e chiamano “effetto gregge”. Dal ministro Lorenzin che ha confuso i virus con i batteri e non ha uno straccio di laurea ai pennivendoli sgramellinati, pardon  sgrammaticati e saccenti, agli scientisti e ai camici bianchi sul libro paga di chi spaccia veleni camuffati da farmaci. Accanto ad una responsabilità materiale ce n’è un’altra ben più grave di natura etica: la falsità dei mass media telecomandati dal potere economico. Insomma la menzogna è la vera protagonista dei tempi correnti. Non a caso l’Italia, svetta al 77° posto nella classifica ufficiale, relativa alla libertà di stampa ovvero alla disinformazione. Non a caso, si è appena dimesso il presidente del disordine dei giornalisti (un’altra casta), tale Iacopino. L’Italia è l’unico paese al mondo dove 4 vaccini per l’infanzia sono stati imposti con tanto di leggi a mezzo di tangenti, valga per tutti l’esempio del ministro sanitario De Lorenzo, che intascò nel 1991 ben 600 milioni di lire dalla Glaxo. Il medioevo tecnologico è impastato di ignoranza e oscurantismo. Ora hanno appena inventato un’epidemia fasulla e la diffondono in rete: terrorismo istituzionale. Ma la magistratura è in letargo? Alla prevaricazione e all’arroganza del potere si risponde con la rivolta morale, sociale e culturale, ossia materiale, non con l’aria fritta.
riferimenti:


Fonte(source) —LEGGI TUTTO(read more)—

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.