Stampa / Print
E l’eventuale turno di ballottaggio sarà domenica 25 giugno: lo ha deciso il ministero dell’Interno

(LaPresse – Massimo Paolone)

Il ministro dell’Interno Marco Minniti ha fissato con un decreto la data delle prossime elezioni amministrative: si voterà domenica 11 giugno 2017 e l’eventuale turno di ballottaggio sarà domenica 25 giugno. In quelle date, nei comuni coinvolti delle regioni a statuto ordinario, saranno eletti direttamente i sindaci, i nuovi consigli comunali e i consigli circoscrizionali.

Sul sito del ministero è stata pubblicata una nota in cui si dice anche che i comuni interessati saranno 1.021, di cui 796 nelle regioni a statuto ordinario e 225 nelle regioni a statuto speciale «dove lo svolgimento delle elezioni è fissato autonomamente, anche in data diversa da quella prevista per le regioni a statuto ordinario». In particolare: saranno 153 i comuni che andranno al voto superiori ai 15 mila abitanti e tra questi ci sono 25 comuni capoluogo di provincia e 4 comuni capoluogo di regione (Palermo, Genova, Catanzaro e L’Aquila). Nelle regioni a statuto speciale il giorno delle elezioni amministrative è stabilito dalla competente autorità regionale che, in Valle d’Aosta e Trentino-Alto Adige, ha scelto il 7 maggio.

Le principali città al voto saranno Alessandria, Asti e Cuneo in Piemonte; Como, Lodi, Monza in Lombardia; Belluno, Padova e Verona in Veneto; Gorizia in Friuli Venezia Giulia; Genova e La Spezia in Liguria; Parma e Piacenza in Emilia Romagna; Lucca e Pistoia in Toscana; Frosinone e Rieti nel Lazio; L’Aquila in Abruzzo; Lecce e Taranto in Puglia; Catanzaro in Calabria; Palermo e Trapani in Sicilia; Oristano in Sardegna. L’elenco completo di tutti i comuni al voto si può trovare qui.

Fonte: Il Post
Fonte(source) —LEGGI TUTTO(read more)—

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.