Stampa / Print
La premier Nicola Sturgeon ha annunciato che avvierà l’iter parlamentare per un secondo voto da tenere tra fine 2018 e inizio 2019

“Se la Scozia avrà una possibilità reale di scelta, questa possibilità dovrà esserci tra l’autunno del 2018 e la primavera del 2019”, ha dichiarato la prima ministra. Credit: Russell Cheyne

La premier scozzese Nicola Sturgeon ha annunciato il 13 marzo che chiederà un nuovo referendum sull’indipendenza della Scozia e che avvierà l’iter parlamentare per poter arrivare a un secondo voto dei cittadini per l’indipendenza dalla Gran Bretagna.

Secondo Sturgeon il referendum si potrebbe tenere tra la fine del 2018 e l’inizio del 2019, quando i termini della Brexit saranno chiari.

La premier scozzese ha inoltre affermato di credere che si potrebbe arrivare a un secondo voto per l’indipendenza scozzese prima che si completi l’uscita del Regno Unito dall’Unione europea.

Quando le è stato chiesto se pensava che avrebbe potuto vincere in questo voto, Sturgeon si è detta convinta di potercela fare. “Se la Scozia avrà una possibilità reale di scelta, questa possibilità dovrà esserci tra l’autunno del 2018 e la primavera del 2019”, ha dichiarato la prima ministra.

La leader del partito Conservatore scozzese, Ruth Davidson, ha detto che l’annuncio della premier è divisivo e porta a maggiori incertezze.

Una risposta è arrivata subito anche da Downing street. Un portavoce del primo ministro britannico Theresa May ha affermato che un secondo referendum per l’indipendenza scozzese sarebbe divisivo e causerebbe un’enorme incertezza economica.

“Solo due anni fa i cittadini scozzesi hanno votato per rimanere nel Regno Unito e questo ci dimostra che le persone in Scozia non vogliono un secondo referendum”, ha dichiarato.

Fonte: The Post Internazionale
Fonte(source) —LEGGI TUTTO(read more)—

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.