Stampa / Print
Pyongyang aveva promesso conseguenze dopo le esercitazioni militari congiunte svolte da Stati Uniti e Corea del Sud

La televisione annuncia il lancio dei missili balistici da parte della Corea del Nord a Seoul, in Corea del Sud. Credit: Kim Hong-Ji

La Corea del Nord ha lanciato quattro missili balistici nel mar del Giappone lunedì 6 marzo 2017. Lo hanno riferito funzionari sudcoreani e giapponesi. Il primo ministro giapponese Shinzo Abe ha definito la mossa “un’azione estremamente pericolosa”.

Pyongyang aveva promesso conseguenze dopo le esercitazioni militari congiunte svolte da Stati Uniti e Corea del Sud.

Secondo l’esercito sudcoreano, è improbabile che i dispositivi lanciati fossero missili balistici intercontinentali, che sarebbero in grado di raggiungere anche gli Stati Uniti. In media, i missili, partiti dalla regione di Tongchang-ri, vicino al confine settentrionale con la Cina, sono caduti a una distanza di mille chilometri.

“I lanci violano chiaramente le risoluzioni delle Nazioni Unite”, ha detto Abe di fronte al parlamento giapponese. Anche il presidente sudcoreano Hwang Kyo-ahn ha condannato l’atto, definendolo una sfida alla comunità internazionale.

Fonte: The Post Internazionale
Fonte(source) —LEGGI TUTTO(read more)—

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.