Stampa / Print

La filosofia open source sta diffodendosi sempre più andando a toccare settori anche molto particolari tra cui anche quello dell’agricoltura. Di software pensati per gestire le varie attività di una azienda ne esistono tantissimi, da quelli per la contabilità a quelli per gestire progetti, clienti e dipendenti.

Ma tra le varie tipologie di aziende vi sono anche quelle cosiddette agricole, o più comunemente dette fattorie. Ebbene anche per queste realtà è finalmente disponibile un software open source: FarmOS.

Si tratta di un prodotto, basato su Drupal (un gestore di contenuti open source) finalizzato a facilitare la gestione quotidiana di una fattoria. Mette a disposizione ruoli diversi da assegnare ai manager, ai lavoratori e ai visitatori. I manager possono controllare come vanno le cose con accesso a tutto il sistema, i lavoratori possono utilizzare gli strumenti di tenuta dei registri, e i visitatori hanno accesso in sola lettura, ad esempio, per controllare i risultati della fattoria.

Nella sua distribuzione standard FarmOS include 14 moduli ma è possibile aggiungere altri moduli così da espanderne le funzionalità. La sua interfaccia web responsiva consente di usare la piattaforma non solo da pc ma anche da smartphone e tablet.

Per chi vuole usare fin da subito FarmOS senza procedere con una installazione manuale è disponibile una versione cloud a basso costo. Basta andare su Farmier e registrarsi.

Quindi se possedete una fattoria e volete tenere sotto controllo tutti gli aspetti legati alla sua gestione allora troverete in FarmOS un valido aiuto.

Se ti è piaciuto l’articolo, iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog!

Crediti immagine: Mike Stenta
Fonte(source) —LEGGI TUTTO(read more)—

About the author

Related Post

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.