Stampa / Print
L’attentato ha causato almeno 30 morti. Secondo i testimoni, tra i cinque attentatori uno indossava il camice da medico

I militari intervenuti sul luogo dell’attentato a Kabul. Credits: Reuters

Una forte esplosione e una sparatoria sono avvenute l’8 marzo 2017 vicino all’ospedale militare di Kabul, capitale dell’Afghanistan. L’area è quella dell’ambasciata degli Stati Uniti nel paese. Secondo alcuni testimoni uno dei cinque uomini armati indossava un camice da medico.

L’attacco è cominciato con un’esplosione nel retro dell’ospedale Sardar Mohammad Daud Khan. Successivamente gli attentatori hanno fatto irruzione nell’edificio aprendo il fuoco con armi automatiche e granate.

L’area attorno all’ospedale è stata bloccata. L’attentato non è stato ancora rivendicato.

Aggiornamento, ore 13.37: L’attentato, rivendicato dall’Isis, ha causato almeno 30 morti e 50 feriti secondo quanto riporta il ministero della Difesa afghano.

Fonte: The Post Internazionale
Fonte(source) —LEGGI TUTTO(read more)—

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.