Stampa / Print
di Gianni Lannes

E’ una scelta fuorilegge, stabilita di recente in Italia da una sentenza della Corte d’Appello di Trento e poco prima dal tribunale dei minori di Firenze assurto alla ribalta della cronaca nera, in ragione dei minori seviziati al Forteto col beneplacito di alcuni magistrati. Si tratta di decisioni giudiziarie sbagliate perché legittimano nel belpaese comportamenti illegali, ma soprattutto contro natura.

In soldoni la corte d’appello di Trento ha riconosciuto addirittura l’obbligo di trascrizione nei registri anagrafico comunali di un certificato di paternità canadese da parte di una coppia di due uomini, nei confronti di due bambini (gemelli) nati in Canada a seguito di procreazione medicalmente assistita. Per questo traffico sono state necessarie due donne: una ha messo a disposizione l’ovulo da fecondare, in seguito impiantato nell’utero di un’altra donna, che ha portato avanti per nove mesi la gravidanza  e poi è stata scaricata, insieme alla parola madre. Dopo il parto a fine contratto, i due neonati sono stati portati via, per sempre, a beneficio esclusivo di chi li ha commissionati. La corte di Trento sostiene che la dichiarazione di genitorialità canadese anche per il secondo partner deve essere riconosciuta senza discussioni in Italia, anche se non c’è legame biologico, anche se le pratiche e le tecnologie sono fuorilegge nel belpaese, anche se le nostre leggi fanno riferimento alla differenza sessuale nei confronti della genitorialità. I magistrati non hanno il diritto di fare le leggi, non gli compete per favorire l’egoismo di due maschi surrogati. Certe decisioni giudiziarie non sono più atti di giustizia, nel senso non ci fa più carco dell’interpretazione della norma, ma rivelano un’pattività normativa impropria nelle aule giudiziarie, che si fonda sulla disapplicazione della legge vigente in Italia. Il corpo umano è valore o merce?


riferimenti:

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2016/01/il-corpo-umano-e-valore-o-merce.html 

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/search?q=GAY 
Fonte(source) —LEGGI TUTTO(read more)—

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.