ABRUZZO: INQUINAMENTO MONTEDISON, CONDANNA IN APPELLO

Stampa / Print

 Bussi sul Tirino (PE), primavera dell’anno 2000: occultamento di rifiuti pericolosi della Montedison – foto Gianni Lannes (tutti i diritti riservati)
Per discarica riconosciuto disastro colposo, 10 condanne
  
(ANSA) – L’AQUILA, 17 FEB – La Corte d’Assise d’Appello dell’Aquila ha certificato che il sito industriale e le discariche dei veleni dello stabilimento Montedison di Bussi sul Tirino (Pescara) hanno avvelenato le acque di falda e ha riconosciuto che sul disastro colposo esistono comportamenti aggravati che impediscono la prescrizione del reato. Sentenza rivoluzionata, quindi, due anni e tre mesi dopo quella contestata della Corte d’Assise di Chieti. Riconosciuto l’avvelenamento delle falde, seppure prescritto, e condannati dieci imputati – nella maggior parte ex manager Montedison – per disastro colposo, con provvisionali milionarie. La Corte ha stabilito che le condanne – dai 2 ai 3 anni – sono condonate. Provvisionali e spese legali da riconoscere alle parti civili ammontano a 3,7 milioni. “È una grande sentenza, è stato riconosciuto l’avvelenamento delle falde” commenta l’avvocato dello Stato Cristina Gerardis. “L’obiettivo finale resta ora la bonifica del territorio” dichiara il delegato Wwf Abruzzo Luciano Di Tizio.
   
fonte:
riferimenti:

Fonte(source) —LEGGI TUTTO(read more)—

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *