Stampa / Print
Come promesso in campagna elettorale, il neo presidente degli Stati Uniti ha firmato un ordine esecutivo per uscire dal Tpp che, a suo dire, danneggia l’industria Usa

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump mostra l’ordine esecutivo che decreta l’uscita del paese dal Tpp. Credit: Kevin Lamarque

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha dato seguito a una delle promesse fatte in campagna elettorale e ha firmato un ordine esecutivo per uscire dall’accordo commerciale trans-pacifico (Tpp).

Il neo presidente aveva annunciato che avrebbe rinunciato al Tpp nei primissimi giorni del suo mandato già a novembre.

Lo scopo dell’accordo era quello di approfondire i legami economici e stimolare la crescita, anche attraverso la riduzione delle tariffe tra i paesi firmatari.

Gli stati coinvolti oltre agli Stati Uniti sono Australia, Brunei, Canada, Cile, Giappone, Malesia, Messico, Nuova Zelanda, Perù, Singapore e Vietnam che insieme rappresentano circa il 40 per cento dell’economia mondiale.

Trump aveva aspramente criticato il Tpp, dicendo che danneggiava la produzione industriale statunitense e che sarebbero stati preferibili accordi bilaterali con i singoli paesi.

Nella mattinata di lunedì, il presidente ha anche promesso di tagliare le normative e le tasse sulle aziende in modo sostanziale, per incoraggiarle a rimanere negli Stati Uniti.

Fonte: The Post Internazionale
Fonte(source) —LEGGI TUTTO(read more)—

About the author

Related Post

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.