Stampa / Print
Trovati i corpi di altre due donne tra le macerie dell’albergo, ma i soccorritori non perdono le speranze. Ieri il salvataggio di tre cuccioli 5 giorni dopo la valanga

L’albergo è stato travolto da una valanga il 18 gennaio scorso

I soccorritori hanno recuperato martedì 24 gennaio i corpi di altre vittime tra le macerie dell’hotel Rigopiano, travolto da una valanga a seguito delle tre forti scosse di terremoto del 18 gennaio 2017.

Il bilancio delle vittime sale così a 15, considerando altri tre corpi trovati dai vigili del fuoco qualche ora prima, che si aggiungono a quelli rinvenuti negli scorsi giorni.

Il numero dei dispersi scende invece a 14 e non si spengono le speranze per i soccorritori e per i parenti delle vittime di ritrovare altri sopravvissuti dopo che 11 persone sono già state salvate.

Tra le vittime confermate ieri lunedì 23 gennaio c’è Linda Salzetta. La ragazza, che lavorava al centro benessere dell’hotel, è la sorella di Fabio il ‘tuttofare’ del Rigopiano che assieme a Giampiero Parete si è salvato dalla valanga perché si trovava all’esterno dell’albergo.

In questi giorni Fabio è stato fondamentale per i soccorritori perché ha indicato dove potevamo trovarsi gli eventuali sopravvissuti. Ai vigili del fuoco aveva indicato anche dove cercare la sorella, in una zona nei pressi della cucina. Il corpo della ragazza è stato trovato proprio in quel punto.

Ieri a ridare la speranza è stato il salvataggio di tre cuccioli di pastore abruzzese a 5 giorni dalla valanga.

Qui sotto il video girato immediatamente dopo il loro salvataggio:

— Leggi anche: LA RICHIESTA DI AIUTO INVIATA DALL’HOTEL RIGOPIANO PRIMA DELLA TRAGEDIA

— Leggi anche: RIGOPIANO, LA PROCURA DI PESCARA INDAGA PER DISASTRO COLPOSO

Fonte: The Post Internazionale
Fonte(source) —LEGGI TUTTO(read more)—

About the author

Related Post

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.