Stampa / Print

I dolci dei grandi maestri non deludono mai. La tecnica di Massari poi è insuperabile. Solitamente dopo aver montato il burro con lo zucchero, le ricette prevedono prima l’aggiunta delle uova o dei tuorli e poi quella della farina. Così facendo si corre il rischio che il composto si “stracci” o che, comunque diventi troppo liquido perdendo ariosità. Massari, invece aggiunge i liquidi in alternanza con le polveri. In tal modo l’impasto resta areato e ben amalgamato. Provateci !

Da “Non solo zucchero – volume 1” di Iginio Massari
Ingredienti per uno stampo da 26 cm (1/3 delle dosi del libro)
166 g di zucchero
1 baccello di vaniglia
150 g di burro
35 g di crema pasticcera
233 g di uova
66 g di latte a 32°C
266 g di farina bianca 00
6,6 g di lievito in polvere
100 g di cocco in polvere (non cocco rapè)

Tirare fuori per tempo dal frigorifero il burro e le uova in modo che raggiungano la temperatura ambientale.
Lavorare nella bacinella della planetaria con lo scudo il burro morbido, lo zucchero, la vaniglia, la crema pasticcera e montare fino ad ottenere un composto gonfio e spumoso.
Setacciare due volte la farina con il lievito.
Incorporare pian piano le uova e il latte alla montata di burro e zucchero, dandogli modo di essere assorbiti e alternando i liquidi a metà della farina e del lievito setacciati. Questo passaggio in particolare deve essere eseguito correttamente
Aggiungere l’altra metà della farina con lo stesso metodo.
Infine, incorporare la farina di cocco (é reperibile nei negozi del biologico).
Mettere la massa negli stampi da cake rivestiti con la carta forno. Praticare un taglio profondo per tutta la lunghezza con una spatolina immersa nel burro fuso. Questa operazione serve per facilitare la formazione della cupola.
Cuocere in forno preriscaldato a 180°C per 45-50 minuti (in ogni caso regolatevi con il vostro forno e fate la prova con lo stuzzicadente: deve uscire asciutto

Fonte(source) —LEGGI TUTTO(read more)—

About the author

Related Post

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.