Stampa / Print
La città sull’Eufrate e prossima al confine iracheno è divisa a metà tra i quartieri in mano alle forze governative e quelli controllati dall’Isis

I quartieri di Deir ez-Zor in mano al governo siriano son assediate dall’Isis da quasi due anni.

I miliziani del sedicente Stato islamico hanno lanciato un attacco sulle aree in mano alle forze governative di Deir ez-Zor, in Siria, sabato 14 gennaio 2017.

Secondo quanto riferito dall’Osservatorio siriano per i diritti umani, i jihadisti si sono scontrati con i soldati del regime e la città è stata colpita da almeno sei grandi esplosioni.

Si tratta dell’attacco più violento degli ultimi mesi. Le vittime potrebbero essere decine.

L’aeronautica di Damasco ha reagito bombardato postazioni dell’Isis.

La città orientale siriana si trova sulle rive del fiume Eufrate ed è il capoluogo dell’omonima provincia, confinante con l’Iraq.

L’Isis controlla buona parte della regione e più di metà della città. Da quasi due anni assieda i quartieri rimasti in mano alle forze governative.

Fonte: The Post Internazionale
Fonte(source) —LEGGI TUTTO(read more)—

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.