Stampa / Print
Il job act ci sembra aver favorito più i padroni che i dipendenti.

Infatti al di là di quello che viene detto si rimane precari per 3 anni.

…. anzi lo si è di più che con il contratto a tempo determinato perché con il job act si può essere licenziati in qualsiasi momento con il contratto a termine si era tutelati sino alla scadenza.

Inoltre i datori di lavori hanno ricevuto una marea di incentivi.

Questi incentivi sono notevolmente superiori al tfr che le aziende dovrebbero pagare in caso di licenziamento.

Potrebbe succedere che prima della fine dei 3 anni tutti i lavoratori assunti con questi contratti potrebbero essere lasciati a casa.

In definitiva forti guadagni per le imprese (ben superiori al tfr) e il pericolo per i lavoratori di essere licenziati vicini al terzo anno quando potrebbero rientrare tra i lavoratori con tutele maggiori,
Fonte(source) —LEGGI TUTTO(read more)—

About the author

Related Post

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.