Stampa / Print


di Gianni Lannes
Non basta la rapina di idrocarburi delle multinazionali straniere nei mari italiani con il beneplacito dei governi eterodiretti italiani. La fauna marina fugge, si dilegua, dopo il passaggio della nave Minerva 1. Se ne sono accorti i pescatori calabresi che l’hanno rincorsa ed accerchiata pacificamente. Dai documenti ufficiali si apprende che la nave con il solito pretesto “scientifico” spara onde sismiche sui fondali: un inquinamento acustico (la famigerata “sismica a riflessione”) che disorienta, danneggia e spesso uccide soprattutto i cetacei.
riferimenti:

Fonte(source) —LEGGI TUTTO(read more)—

About the author

Related Post

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.

Sitemap