Stampa / Print

A noi italiani piace molto bere birra, magari gustando una bella pizza. A molti oltre che berla piace anche prodursela in casa.

Realizzare da soli la propria birra non è cosa semplice. Gli elementi a cui dover prestare attenzione sono diversi; basta sbagliarne uno per vanificare tutti gli sforzi fatti.

Ma per chi volesse cimentarsi nella produzione in proprio della birra favorita viene in soccorso un programma gratuito tutto italiano: Hobbybrew.

Si tratta di un programma scritto in Java, quindi in grado di girare su qualsiasi computer, nato con l’obiettivo di catalizzare in un unico punto l’esperienza maturata dagli homebrewer italiani.

Grazie all’uso di questo programma gli homebrewer (come vengono chiamati i produttori casalinghi) possono creare e salvare nuove ricette facilitando i calcoli delle quantità di malti e luppoli necessari, utilizzare vari strumenti di calcolo, gestire un archivio di cotte e avere un inventario degli ingredienti a disposizione in dispensa.

Se non si hanno a disposizione ricette da cui partire per avviare la propria produzione di birra fatta in casa, è possibile reperirle facendo una ricerca su internet oppure visitando il sito di Hobbybirra. Le ricette raccolte su questo sito sono raggruppate secondo le varie tipologie.

Ma lo stesso Hobbybrew mette a disposizione delle ricette da cui partire: quelle “ufficiali” si trovano nella sezione Ricette approvate, mentre le più strane sono catalogate come Ricette in attesa di approvazione. Sono disponibili anche ricette internazionali.

Per cominciare a produrre la propria birra, ed iniziare a prendere dimestichezza con Hobbybrew, si può scegliere una delle tante ricette disponibili e provare a fare delle variazioni. Se la birra così prodotta risulta essere di proprio gradimento si può salvare la ricetta nel proprio ricettario oppure condividerla con altri appassionati attraverso i vari forum dedicati all’argomento.

Vedrete che grazie a Hobbybrew vi sarà facile entrare nel fantastico mondo delle birre fatte in casa, il tutto in maniera semplice e senza dover spendere soldi ad acquistare software simili ma commerciali. Chissà magari la ricetta della vostra birra fatta in casa potrebbe essere così buona da attirare l’attenzione di qualche casa produttrice.

Se ti è piaciuto l’articolo, iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog!
Fonte(source) —LEGGI TUTTO(read more)—

About the author

Related Post

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.