Stampa / Print

educazione-siberiana

Avete visto il film: educazione siberiana?

Vi consiglio di guardarlo, grande attore e storia profonda.

E contiene un insegnamento, per i padri.

Nessuno ti insegna a fare il padre e in genere i maschi non me hanno neppure l’istinto . Anzi l’istinto è quello di lasciare la prole e ingravidare un’altra femmina e dunque fare il padre è essenzialmente un lavoro razionale.

Oggi Nuke ha scritto un post eccezionale su un tema fondamentale: la giusta educazione per dare ai propri figli la coscienza di se, del mondo, e di come affrontare la vita. Cito:

Come faccio a spiegarlo alla mia bambina? Esiste una app per questo? Come c@xxo faccio a spiegarle che i diritti – che ti meriti – sono quelli per cui hai lottato: la pace si ottiene sconfiggendo il nemico e non mandando un mediatore a trattare!

….

Come faccio a spiegargli che i vegetariani e i pacifisti non sono il futuro, ma sono solo riserve di cibo per i predatori?

Come può capire? Se non lo capite voi che siete grandi, che vi fate calpestare dai clandestini, dai media che divulgano le “vere” notizie, vi fate spogliare di ogni diritto, vi fate depredare dalle tasse, vi arrendete e accettate tutto quello che lo stato vi impone, voi che per “comodità dall’alto del vostro scranno” credete di conoscere l’assoluta verità su tutto…

Come posso spiegarlo ad una bambina che sta crescendo? Sì perché sta crescendo nel vostro mondo, un mondo dove voi avete accettato di farvi fagocitare in una vita non vita: avete accettato di essere zombie.

Beh basta spiegarlo.

Se ci stai insieme e condividi gioco e dialogo i figli ti ascoltano anzi vogliono la tua opinione: il punto importante è non avere paura di dirle certe cose, senza girarci intorno oppure avendo il timore che poi “a scuola” i tuoi pargoli possano ripetere concetti politicamente scorretti.

Io lo faccio, i miei figli sanno che lo Stato nella migliore delle ipotesi è un corpo estraneo, che i diritti li hai se te li conquisti. I miei figli hanno ben chiaro che devono competere e vincere, che la meritocrazia significa soprattutto finire fra gli ultimi se fai schifo e per quanto rispetto ci sia stare fra gli ultimi non è simpatico. E soprattutto se le cose vanno male quasi sempre la colpa è tua.

Sanno anche che il mondo è vasto e trovare il proprio posto richiede anche decisioni riguardo a dove si vuole costruire il futuro.

La coscienza di ciò che sono gli Stati oggi, specie alcuni (ehm ehm) richiede un minimo di educazione siberiana, ovvero che prima di ogni altra cosa se subisci un torto vai TU a cercare chi te lo ha fatto e come minimo ci parli e possibilmente gli restituisci il favore con il doppio degli interessi. E che in giro si sappia.

Allo stesso modo proprio perché siamo soli è importante creare intorno a se una cerchia di amici veri e una famiglia (concetto negletto proprio da chi vi vuole carne da macello), che la ricchezza serve eccome a tutelare il proprio diritto a partire da quello di stare in buona salute.

Per quello che riguarda la scuola e gli “studi” pretendere di fare ciò che ci piace e per cui si è portati è un concetto ridicolo. Gli “studi” servono a imparare a fare anzitutt0 ciò che serve e che ha un valore di mercato (ovvove mercantilismo) nel tempo e nel luogo dove si esiste. Se rimane spazio per coltivare i propri interessi bene, e sia. Non esiste nessun diritto a esercitare una professione per cui non esiste mercato, chi lo pensa è carne da macello uno Zombi.

E infine, mai e poi mai perdere tempo a frignare o a lagnarsi. Non tanto perché è inutile, quanto perché la risorsa più importante che abbiamo è il tempo.

Quindi Keep Calm and We Like Darwin

p.s. a me sta bene vivere e far vivere i miei due Leoni in uno zoo di Zombi. Ci divertiremo insieme.


(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

Fonte(source) —LEGGI TUTTO(read more)—

About the author

Related Post

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.