Stampa / Print

di Gianni Lannes

Un cancro a norma di legge europea per ogni malcapitato ed ignaro italiano. In base al «regolamento di esecuzione (ue) 2015/2405 della commissione del 18 dicembre 2015 recante apertura e modalità di gestione di contingenti tariffari dell’Unione per prodotti agricoli originari dell’Ucraina» l’Italia – grazie al beneplacito della cosca criminale dei politicanti parassitari italidioti –  è costretta ad ingurgitare merci agricole inquinate dalla radioattività, inclusi i funghi (naturali amplificatori nucleari). E’ un’imposizione decretata dal presidente della commissione europea Jean Claude Juncker, che nessun cittadino italiano o europeo ha eletto a questa carica di così ampio potere. I danni potenziali alla salute pubblica si sommano a quelli inferti alla nostra economia agricola, ormai senza più difese. Rigorosi controlli? Chi li ha visti?
   

Secondo l’ultimo rapporto di Greenpeace – “Nuclear scars: The Lasting Legacies of Chernobyl and Fukushima” – l’inquinamento nucleare dopo il disastro di Chernobyl dilaga in Ucraina e in Russia, proprio in zone ampiamente coltivate. Oltre 10.000 chilometri quadrati (1.000.000 di ettari) tra Russia, Bielorussia e Ucraina sono inutilizzabili per qualunque tipo di attività e i 10 (chilometri quadrati) attorno alla centrale lo saranno per 10.000 anni, a causa del plutonio che impregna il terreno. Eppure, in queste stesse zone coltivano grano contaminato e lo vendono a prezzi stracciati proprio da noi.

Chi controlla i controllori? Nessuno. Essi hanno potere di vita e di morte su milioni di inebetiti e disinformati europei.

 riferimenti:

Fonte(source) —LEGGI TUTTO(read more)—

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.