Russia, Iran e Turchia raggiungono un accordo per monitorare la tregua in Siria

Stampa / Print
Le tre potenze stabiliranno un meccanismo congiunto per garantire il rispetto del cessate il fuoco in territorio siriano

I partecipanti ai colloqui di pace sulla Siria, ad Astana in Kazakistan. Credit: Mukhtar Kholdorbekov

Iran, Russia e Turchia stabiliranno un meccanismo trilaterale per osservare e assicurare il rispetto di un cessate il fuoco in Siria e prevenirne ogni violazione. Lo hanno reso noto le tre potenze in una dichiarazione congiunta nel secondo giorno dei colloqui di pace ad Astana, in Kazakistan.

In conclusione alle trattative, i tre paesi hanno inoltre espresso la volontà di implementare la risoluzione 2254 del Consiglio di sicurezza per la pace in Siria, e di includere nel prossimo round di negoziazioni anche i ribelli siriani. Il secondo incontro si terrà a Ginevra il prossimo 8 febbraio.

Non è chiaro se l’opposizione o il governo di Damasco abbiano appoggiato il comunicato. Ad Astana hanno avuto luogo a partire da lunedì 23 gennaio i negoziati indiretti per la fine della guerra civile siriana, mediati da Mosca e Teheran, che sostengono il presidente Bashar al-Assad, e Ankara, che supporta i ribelli.

— LEGGI ANCHE: Secondo giorno di colloqui di pace sulla Siria in Kazakistan

— LEGGI ANCHE: Cominciano in Kazakistan i colloqui di pace sulla Siria

Fonte: The Post Internazionale
Fonte(source) —LEGGI TUTTO(read more)—

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *