L’ITALIA IMPORTA GRANO RADIOATTIVO DALL’UCRAINA E DALLA RUSSIA

Stampa / Print
Manfredonia, 2 gennaio 2017 – foto Gianni Lannes (tutti i diritti riservati)

di Gianni Lannes
Non è un segreto anche se la maggioranza della popolazione italiana non lo sa; e non è la prima volta, basta scorrere le cronache dagli anni ’80 in poi, per accertare l’inquietante fenomeno. Latitudine 41.61678 N e longitudine 15.95111 E. Magari ai profani questi numeri non dicono niente, eppure sono coordinate interessanti per illuminare l’importazione di materia prima trasformata in cibo miracolosamente italiano.

 Manfredonia, 2 gennaio 2017 – foto Gianni Lannes (tutti i diritti riservati)
Le ultime due navi sorprese a scaricare grano importato dall’estero sono il cargo Azov Coast proveniente dal porto russo di Yeysk, e la bulk carrier Matteo Br giunta da Nikolaev in Ucraina. Entrambe battono il vessillo maltese, ovvero una bandiera di comodo, ossia ombra. Ieri pomeriggio, 2 gennaio 2017, alle ore 15, erano entrambe ormeggiate al cosiddetto porto “alti fondali” di Manfredonia, un attracco fantasma, ufficialmente inagibile, e dunque secondario dove, singolare coincidenza, non c’erano controlli della Guardia di Finanza, eppure il loro arrivo era ben noto alla locale capitaneria di porto. Comunque, nelle piazzole di sosta i camion facevano la spola per caricare e tagliare la corda. Basta scegliere con comodo un approdo secondario come per esempio Molfetta, è l’affare va in porto a gonfie vele. Tanto che importa la salute pubblica, se poi per salvare le apparenze i “grandi” marchi nostrani mettono la bandiera tricolore sulla merce in tavola.

 Manfredonia, 2 gennaio 2017 – foto Gianni Lannes (tutti i diritti riservati)

 

Secondo l’ultimo rapporto di Greenpeace – “Nuclear scars: The Lasting Legacies of Chernobyl and Fukushima” – l’inquinamento nucleare dopo il disastro di Chernobyl dilaga in Ucraina e in Russia, proprio in zone ampiamente coltivate a cereali.

Non è tutto: per non farci mancare nulla il belpaese fa incetta dall’estero (in particolare dal Canada) di un prodotto della terra trasformato nello stivale in pasta per bambini con cadmio e piombo, spaghetti al glifosato, grano duro con micotossine cancerogene. Il grano tenero – spesso radioattivo – lo importiamo addirittura dalla Francia.

L’Italia produce poco più del 50 per cento del proprio fabbisogno complessivo di cereali e semi oleosi. Per quanto riguarda il grano, importiamo più del 50 per cento del grano tenero per pane e prodotti da forno, e il 30/40 per cento del grano duro usato per fare la pasta.  
Nel 2016 l’Italia ha circa quadruplicato il grano di importazione dall’Ucraina rispetto all’anno precedente, passando dalle 139 mila tonnellate del 2014 a 600 mila tonnellate. L’ex nazione sovietica – nostro importante fornitore di mais per mangimi, è anche il terzo fornitore di grano per l’Italia. L’aumento di importazioni di grano dall’Ucraina risponde ad una precisa strategia dell’Europa di fare nuovamente di questo gigante agricolo «il granaio d’Europa». In questa direzione va l’accordo di libero scambio tra UE e Ucraina, entrato in vigore il 1 gennaio 2016, che ha eliminato in parte i dazi di importazione rendendo più competitivo il grano ucraino.
Il mercato del grano, e non solo, è ormai una giungla senza regole. Siamo ormai a livelli così esagerati di importazioni che il prezzo a cui mediatori e grandi industrie acquistano il grano sono diventati tanto bassi da renderne sconveniente la coltivazione. Il rischio è che migliaia di ettari coltivati anche con grani di elevata qualità vengano addirittura abbandonati. È un rischio che porterebbe alla desertificazione di un territorio (si pensi alle zone della Murgia tarantina) oppure a situazioni di dissesto idrogeologico per la conseguente mancanza di cura del territorio. A beneficiare del crollo del prezzo del grano sono stati esclusivamente grandi mediatori e grosse ziende alimentari. Malgrado le riduzioni di oltre il 30 per cento della materia prima grano, pane e pasta non hanno subìto alcuna riduzione di prezzo. Attualmente, lamentano gli agricoltori, le importazioni di grano sono praticamente libere, non regolamentate da leggi che in qualche modo tutelino produzione italiana che garantisce sicuramente maggior controllo della filiera e quindi maggiore sicurezza per i consumatori. I maggiori costi di mano d’opera e la maggiore tassazione rendono i produttori nostrani meno competitivi rispetto a quelli dei mercati esteri. La mancanza di obbligo da parte delle aziende di pasta e altri farinacei di indicazione di provenienza del grano da esse utilizzato non favorisce il consumatore che volesse scegliere consapevolmente il prodotto da acquistare e innesca una spirale di discesa del prezzo del cereale sempre più nefasta per gli agricoltori italiani. Il prezzo del grano lo fanno, in pratica, le grandi multinazionali: i piccoli produttori possono solo adeguarsi, se ci riescono, o sospendere la produzione.
Soluzioni? Promulgare immeditamente una legge che tuteli la produzione italiana, per esempio con l’introduzione dell’obbligo, da parte delle aziende alimentari, di indicare il luogo di origine della materia prima (grano). Si devono poi mettere in atto strumenti e iniziative per valorizzare maggiormente la qualità eccellente di alcune qualità di grano italico antico. Molto simile a quella del grano, per l’importazione massiccia e senza regole, è la situazione del mercato del latte e dell’olio. Anche qui crollo dei prezzi e mancanza di tutele per i consumatori sulla tracciabilità della filiera che porta fino in tavola, prodotti lavorati con materia prima proveniente da chissà quali paesi d’origine. Per la cronaca ignorata: in Italia, negli ultimi cinque anni, hanno chiuso il 50 per cento degli allevamenti. Tre mozzarelle su quattro vengono prodotte con latte importato dall’estero. Che ci vuole a rendere obbligatorio un bollino d’ordine per il grano?
riferimenti:

http://www.greenpeace.org/italy/Global/italy/report/2016/Media_briefing_L_eredita%cc%80_nucleare_di_Fukushima_e_Cernobyl.pdf

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2015/10/alimenti-radioattivi-dalla-francia-in.html 
Fonte(source) —LEGGI TUTTO(read more)—

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *