Stampa / Print


di Gianni Lannes
L’ultimo rapporto del ministero delle politiche sociali attesta la sparizione alla data del 31 ottobre 2016 – dai centri di accoglienza del belpaese di ben 6.503 minori, vale a dire bambini e adolescenti, definiti con un eufemismo “irreperibili”.

In base alle norme nazionali e internazionali il responsabile della tragica situazione è lo Stato tricolore. L’ineletto Renzi e l’attuale inquilino del Viminale, tale Alfano, devono dare immediatamente spiegazioni e poi dimettersi. E’ in atto una mattanza? Bimbi e fanciulli sono preda del mercato pedofilo, pedopornografico, oppure sono diventati loro malgrado pezzi di ricambio in alcune cliniche private del Nord Italia, dove vengono effettuati impunemente e da anni, espianti clandestini di organi? Perché una trasmissione del servizio pubblico di Rai3, “Chi l’ha visto?”, che si occupa esclusivamente di sparizioni, non sfora questa tragedia in atto? C’è un giudice almeno a Berlino o bisogna sperare in un intervento divino?
riferimenti:


Gianni Lannes, BAMBINI A PERDERE, LPE, Cosenza, 2016.

Fonte(source) —LEGGI TUTTO(read more)—

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.