Stampa / Print
Tuttavia un portavoce del Cremlino ha precisato che la pausa temporanea dai bombardamenti non potrà essere ulteriormente estesa se continueranno gli attacchi dei ribelli

Colonne di fumo in seguito ai bombardamenti dell’aviazione di Assad su un quartiere di Aleppo. Credit: Ammar Abdullah

La Russia ha annunciato mercoledì 2 novembre una nuova “pausa umanitaria” con interruzione dei bombardamenti su Aleppo per venerdì 4 novembre, dalle 9 alle 19.

“Per evitare vittime inutili, su ordine del comandante in capo delle forze armate russe Vladimir Putin, il ministro della Difesa Serghiei Shoigu ha preso la decisione di introdurre ad Aleppo il 4 novembre dalle 9 del mattino alle 19 di sera una pausa umanitaria. Questa decisione è stata concordata con le autorità della repubblica araba siriana”, ha detto il capo di Stato maggiore russo Valeri Gherasimov.

Tuttavia un portavoce del Cremlino ha precisato che la pausa temporanea dai bombardamenti non potrà essere ulteriormente estesa se continueranno gli attacchi dei ribelli che controllano i quartieri orientali di Aleppo.

Martedì 1 novembre il ministro della Difesa Sergei Shoigu aveva dichiarato che i colloqui di pace sono stati interrotti per un tempo indefinito a causa dell’incapacità degli Stati Uniti e dei suoi alleati occidentali di tenere sotto controllo i miliziani estremisti.

Sempre ieri le Nazioni Unite hanno ammesso che sia l’esercito regolare sia i ribelli potrebbero aver commesso crimini di guerra a causa degli attacchi indiscriminati alla popolazione civile di Aleppo.

Fonte: The Post Internazionale
Fonte(source) —LEGGI TUTTO(read more)—

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.