Stampa / Print

di Gianni Lannes

Da questa violenza istituzionale l’antica Daunia non ha niente da guadagnare, ma solo da perdere. Il referendum a Manfredonia del 13 novembre prossimo vanta un valore legale pari a zero, infatti non produrrà effetti giuridici e non inciderà in alcun modo sull’autorizzazione unica (già pronta) del Ministero del cosiddetto “sviluppo economico” alla ditta di Diamante Menale ed ai suoi soci arabi (Q8). In altri termini, è fumo negli occhi della gente: una ridicola parvenza di democrazia; insomma una sceneggiata, ma bisogna comunque votare contro. Perché la giunta Riccardi gioca a perdere? Perché l’attuale governatore Michele Emiliano, dopo le promesse elettorali non ha revocato in autotutela la delibera 1361/2015 a firma di Vendola? Forse perché il piddì è favorevole all’affare maturato nel 1999 sotto il ministero Bersani?

Lo stesso avvocato del Comune, tale Nino Matassa, nella sua memoria difensiva al Tar del. 18 marzo 2016, scrive:

“… Con la delibera n. 28/2015 il consiglio comunale ha approvato una mera mozione con cui il Comune dichiara la propria contrarietà alla ralizzazione da parte dell’Energas. Il parere negativo espresso dal Comune di Manfredonia in seno al procedimento di cui agli artt. 57 e 57-bis del dl n. 5/2012, attivato per la autorizzazione del progetto sulla base della disciplina delle infrastrutture energetiche, ha mera valenza endoprocedimentale. Infatti, l’art. 57, co.2, stabilisce la competenza del Ministero dello sviluppo eponomico al rilascio della eventuale autorizzazione, senza che il parere contrario comunale assume valore vincolante o di arresto del procedimenti”.

Il 5 maggio scorso, la giunta comunale capeggiata dal sindaco Angelo Riccardi ha sfornato la delibera numero 93: “ai fini di una eventuale richiesta di esclusione dal sito natura 2000”. E prontamente, il dirigente tecnico Antonello Antonicelli (reiteratamente all’onore della cronaca ai tempi in cui soggiornava all’assessorato regionale all’ambiente) ha eseguito gli ordini con la determina 765 del 20 giugno scorso.
Di che si tratta? Mentre a parole il “primo cittadino” pro tempore, in attesa di giudizio al tribunale penale di Pescara per gravi reati, solo da qualche tempo si dica contrario all’Energas, nel concreto briga per eliminare i vincoli ambientali che ricadono sull’area burocraticamente ridenominata “DI49”;almeno è quello che si deduce dagli atti amministrativi. Esattamente in loco è posizionato l’intervento distruttivo di un gigantesco deposito di gas di petrolio liquefatto (60.200 metri cubi) con annesso gasdotto lungo 10 chilometri (di cui 5 in mare), spacciato addirittura per “strategico”, in violazione della direttiva 2012/18/ue, nonché della Convenzione di Aarhus. E che dire dello stralcio ministeriale nel 2001 della zona inclusa nel parco nazionale del Gargano? Dov’era posizionato a quei tempi il Riccardi, mentre ora spara a zero sulla massoneria? A proposito: la Corte dei Conti ha rilevato un buco di bilancio pari a circa 70 milioni di euro.

Le irregolarità non terminano tanto facilmente: per esempio le navi gasiere attraccheranno al cosiddetto “porto alti fondali”, un’opera pubblica contrassegnata dalle ruberie di tangentopoli (nastri trasportatori), realizzata in violazione delle norme antisismishe, ed attualmente pericolante. In ogni caso, l’Energas che dovrà sloggiare da Napoli in base al diktat della regione Campania, non ha ancora presentato il progetto esecutivo. Cosa ancora più grave, i ministri dell’ambiente Galletti e dei Beni culturali Franceschini, nonché il 5 giugno 2015 (delibera di giunta regionale numero 1361) Nichi Vendola, hanno espresso nel 2015 un parere favorevole allo stupro della Puglia settentrionale, sulla base di un obsoleto e carente “progetto di massima” risalente al 1997 (Isosar), bocciato nel 2000 dallo stesso ministero dell’Ambiente, da quello dei Beni culturali e dalla medesima Regione. C’è un giudice almeno a Berlino per arrestare questa speculazione, o la società civile dovrà scendere in piazza come nel 1988 quando cacciò il mostro dell’Enichem?

riferimenti:

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2016/11/in-puglia-i-primi-cacciabombardieri.html

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/search?q=energas
Fonte(source) —LEGGI TUTTO(read more)—

About the author

Related Post

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.