Stampa / Print
Si è spento a 82 anni il leggendario artista che ha scritto e interpretato la famosa “Hallelujah”

Il cantautore Leonard Cohen durante una performance nel 2008. Credit: Luke MacGregor

Leonard Cohen, famoso cantautore, poeta e scrittore, è morto a 82 anni. Le sue canzoni, tra cui la più nota è “Hallelujah”, hanno combinato l’immaginario religioso con il tema della redenzione e quello del desiderio sessuale e si sono guadagnate il successo tra la critica e il pubblico dagli anni Sessanta fino ad oggi.

La notizia della scomparsa è stata resa nota dalla casa discografica dell’artista. “Con profondo dolore comunichiamo che il leggendario poeta, cantautore ed artista Leonard Cohen è morto”, ha scritto la Sony Music Canada sulla pagina Facebook di Cohen. “Abbiamo perso uno dei più prolifici visionari. Una commemorazione si terrà a Los Angeles fra qualche giorno. La famiglia chiede privacy nel suo periodo di dolore”. La nota non fornisce dettagli sulle cause della morte.

Nato in Quebec nel 1934, Leonard Cohen era già noto come poeta e scrittore quando si è trasferito a New York nel 1966 all’età di 31 anni e si è affacciato sul panorama musicale folk-rock americano.

Dopo breve tempo, i critici lo hanno paragonato a Bob Dylan per la forza della sua musica e dei suoi testi. Cohen ha influenzato innumerevoli musicisti e ha vinto numerosi riconoscimenti, tra cui l’inserimento nella Rock&Roll Hall of Fame e l’Ordine del Canada.

Dalla sua “Hallelujah” sono state tratte centinaia di cover da quanto è stata prodotta nel 1984.Nonostante avesse superato gli 80 anni, Cohen è rimasto molto popolare e ha completato un tour all’inizio di quest’anno. Il suo 14esimo e ultimo album, “You Want it Darker”, è stato pubblicato solo il mese scorso.

Fonte: The Post Internazionale
Fonte(source) —LEGGI TUTTO(read more)—

About the author

Related Post

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.