Stampa / Print

Perfetto nella sua semplicità per la colazione ed il the pomeridiano: soffice nella consistenza e delicato nel sapore.

Da “Il Re delle Torte” di Salvatore De Riso
Ingredienti per una ciambella da 24 cm
300 g di farina 00
95 g di fecola di patate
225 g di zucchero semolato
187 g di burro morbido
225 g di yogurt di bufala
165 g di uova intere
6 g di lievito in polvere per dolci (baking)
2 g di sale
la scorza grattugiata di un limone non trattato
q.b. di burro e farina per la teglia

Tirare fuori dal frigo per tempo il burro e le uova in modo che raggiungano la temperatura ambientale.
Montare in planetaria, o con le fruste di uno sbattitore casalingo, il burro con lo zucchero e le scorzette di limone in modo da ottenere un composto gonfio e spumoso.
Unire poi gradatamente le uova. (Non inserire il secondo uovo se il primo non è stato completamente assorbito)
Nel frattempo, setacciare la farina con la fecola di patate e il lievito in polvere e miscelarle per bene tra loro in una ciotola.
Aggiungere il sale e far andare la planetaria ancora un minuto.
A mano con una spatola, unire lo yogurt di bufala e mescolare per rendere l’impasto omogeneo.
Sempre mescolando a mano con una spatola, incorporare un po’ alla volta le polveri, con movimenti dal basso verso l’alto per evitare grumi.
Versare il composto in uno stampo da 24 cm, previamente imburrato ed infarinato e livellare l’impasto.
Cuocere in forno statico preriscaldato a 170° per 25 minuti, ma regolarsi con il proprio (ogni forno è un caso a sé) e con uno stecchino verificare la cottura.
Una volta cotto, lasciare raffreddare nello stampo e successivamente sformare.
(De Riso ha glassato il dolce con una glassa fatta sciogliendo 200 g di cioccolato bianco a cui sono stati addizionati 25 g di olio extravergine di oliva e poi cospargendo il ciambellone con 10 g di zeste di limone)

Fonte(source) —LEGGI TUTTO(read more)—

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.