Stampa / Print
5 e 6 Novembre: Milano ospita la prima edizione del Walking Day



Al via la “camminata” vera e propria, per divertirsi, stare in compagnia e mantenersi in forma senza sforzo, alla scoperta della città. 



Milano, 23 ottobre 2016 – Presentato lo scorso 18 ottobre presso la Sala Turismo di Palazzo Castiglioni, il Walking Day 2016, il primo evento interamente dedicato al walking mai organizzato a Milano che si terrà il 5 e 6 Novembre presso l’Arena Civica. 


La prima edizione del Walking Day è promossa da Opes, organizzazione per l’Educazione allo Sport, e organizzata da PromoS Italia, MAP Italia – Fitwalking Italia (fondata dai fratelli Damilano), Scuola Italiana Nordic Walking, RCS Active Team, Csportmarketing e Theoria
Charity Partner dell’evento è Banco Alimentare


L’evento, patrocinato dalla Regione Lombardia, intende rivolgersi a persone di ogni età, perché camminare è la migliore risorsa a disposizione di tutti per vincere la battaglia contro la sedentarietà e per avvicinare alla pratica motorio-sportiva. 


Il Fitwalking identifica in Italia il camminare bene, attività alla portata di tutti e praticabile in ogni contesto anche in città ed un evento come il WALKING DAY lo dimostra. Milano sarà per la prima volta palcoscenico di una manifestazione interamente dedicata al Walking e al benessere in città, è per me motivo d’orgoglio esserne partecipe e vedere il Fitwalking tra i protagonisti afferma Maurizio Damilano, campione olimpico di marcia a Mosca 1980 e due volte campione mondiale nella 20 km, ideatore insieme al fratello Giorgio del Fitwalking.


L’agenda dell’iniziativa prevede Domenica 6 novembre l’appuntamento con il nastro di partenza della “camminata” vera e propria. 


Il percorso di 8 chilometri partirà dal Villaggio del Walking Day all’interno della suggestiva Arena Civica e attraverserà l’Arco della Pace, la Triennale, Piazza del Cannone e Piazza Castello per arrivare nuovamente presso l’Arena Civica. 


Per tutti gli appassionati però il Villaggio sarà aperto a partire dalle 10:00 del giorno prima, da Sabato 5 novembre, per accogliere i partecipanti proponendo una ricca agenda, pensata per ogni fascia d’età e livello sportivo con micro-iniziative dedicate a benessere e salute, workshop, training e consulti gratuiti sui temi dell’alimentazione e del movimento.


Il nostro scopo è sempre quello di promuovere iniziative che valorizzino lo sport e il movimento; siamo molto felici di avere come compagni in questo cammino i partner e gli sponsor che hanno aderito al nostro invito” spiega Roberto Ciufoletti, Presidente OPES Comitato Regionale Lombardia.


Il Villaggio infatti sarà popolato dalle attività dei partner dell’iniziativa, tra cui l’Istituto Auxologico Italiano che metterà i propri medici a disposizione del pubblico e presso lo stand del Nordic Walking, saranno presenti alcuni istruttori della Scuola Italiana Nordic Walking che daranno a tutti la possibilità di provare e scoprire questa pratica attraverso lezioni dimostrative durante tutta la giornata.


Saranno inoltre a disposizione dei presenti anche gli Istruttori Abilitati di Fitwalking per fornire informazioni ai neofiti e consigli a chi già pratica.


Per partecipare, è possibile iscriversi sul sito dell’evento: www.walkingday.it


La quota di iscrizione è di 12 euro, di cui una parte sarà devoluta a Fondazione Banco Alimentare Onlus, charity partner della manifestazione. 


Banco Alimentare recupera alimenti che rischiano di essere sprecati e li distribuisce gratuitamente a strutture caritative che assistono persone bisognose in tutta Italia.


Sostengo questa iniziativa perché da sempre lo sport, in particolare la corsa, fa parte della mia vita. Walking Day è una bellissima proposta, perché camminare è la pratica sportiva più semplice e alla portata di tutti e farlo per sostenere una causa sociale così importante come quella di Banco Alimentare è ancora più gratificante, visto il loro quotidiano impegno a favore dei meno fortunati. Anche dopo la mia ultra-maratona di 900 km da Milano a Bruxelles non ho mai smesso di impegnarmi per dare voce, nel mio piccolo, ai tanti bambini che in Italia non hanno accesso ad un’adeguata e sufficiente alimentazione.” afferma la ultrarunner Ivana Di Martino, reduce dai 900 km compiuti a piedi da Milano a Bruxelles per sensibilizzare verso il problema dei bambini e dei ragazzi che, nel mondo, non hanno cibo a sufficienza


Tra gli sponsor dell’iniziativa: 50&Più, Pellux, L’Artigiano in Fiera, Yakult, Istituto Auxologico Italiano, Bowtech. Media Partner dell’evento sono MiTomorrow e Camminare. In partnership con Cities changing diabetes – CLAD.


Siamo orgogliosi di partecipare alla promozione del Walking Day in quanto 50&Più, che ha tra i suoi principali scopi istituzionali il riconoscimento degli over50 come risorsa della comunità e che da sempre si occupa delle problematiche legate all'”invecchiamento attivo”, riconosce nella pratica del Walking un’attività particolarmente adatta a vincere la sedentarietà e l’isolamento tipico della condizione anziana, coniugando una sana attività sportiva, con uno stile di vita e una mobilità sostenibili” afferma Renato Borghi, Presidente 50&Più


Yakult è da sempre impegnata nella promozione delle buone abitudini quotidiane attraverso attività che educhino agli stili di vita sani, in primis la corretta alimentazione e l’esercizio fisico.  A questo scopo, crediamo che il fitwalking rappresenti a pieno la nostra idea di benessere psico-fisico, poiché coniuga i benefici dell’attività sportiva con la possibilità di praticarlo a tutte le età, senza controindicazioni, ed in qualunque contesto , anche in città – spiega Arianna Rolandi, Direttore Scientifico e Relazioni Esterne di YakultGrazie alla consolidata partnership con Fitwalking Italia, desideriamo supportare la diffusione di questa pratica nel nostro Paese ed eventi come il Walking Day rappresentano un’ottima occasione per permettere ad un pubblico sempre più ampio di partecipare“.


www.CorrieredelWeb.it

Fonte(source) —LEGGI TUTTO(read more)—

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.