Stampa / Print
L’azienda, tra le più grandi realtà nel mondo della Sanità integrativa, ha deciso, per la prima volta in Italia, di promuovere un check-up per analizzare la salubrità delle abitazioni e dei posti di lavoro.

http://www.informarmy.net/wp-content/plugins/wp-o-matic/cache/4a996_Logo_HI.jpg

Health Italia S.p.A. è una delle più grandi realtà nel panorama della Sanità Integrativa:  è da sempre sensibile e attenta al concetto di prevenzione, e ritiene la salute il bene più importante. 

Per questo ha avviato una campagna di check-up con l’obiettivo di analizzare la salubrità delle abitazioni e dei  posti di lavoro.

L’esposizione continuata nel tempo ad inquinanti invisibili presenti nelle case e nei luoghi di lavoro è causa di malattie, spesso anche gravi e mortali, come confermato da ricerche istituzionali e scientifiche e dai dati dell’Istituto Superiore di Sanità e dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

(SCOPRI DI PIU’)

Il check-up viene svolto con un dispositivo multisensoriale, N1Pro, sviluppato dall’azienda Nuvap, che consente di rilevare fino a 24 parametri di inquinamento ambientale. 

Rispetto ad una normale perizia, dal costo per singolo parametro anche superiore a 500 euro al giorno e solitamente eseguita in qualche ora, il check-up inquinanti Nuvap permette una misura protratta per diversi giorni, ottenendo così misure medie nel tempo con una affidabilità del dato molto accurata. 

Il processo del check-up è molto semplice. 

Il check-up è acquistabile, a un prezzo contenuto, sul sito www.healthitalia.it/check-up/

Per i soci delle Società di Mutuo Soccorso rappresentate da Health Italia, è prevista una tariffa convenzionata. 


www.CorrieredelWeb.it

Fonte(source) —LEGGI TUTTO(read more)—

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.