Stampa / Print

Vanno benissimo le immatricolazioni delle auto ibride, talmente bene che stanno raggiungendo i numeri delle immatricolazioni delle auto a metano. Si potrebbe anche dire che le auto a metano cominciano a non essere viste bene dagli automobilisti e che sono sbagliate le scelte imprenditoriali di poche pochissime case automobilistiche che hanno voluto puntare su questa tecnologia w che quindi lo hanno fatto con scarsa lungimiranza. Ma non arriviamo a conclusioni avventate in quanto il mese di Agosto potrebbe solo un segnale ma non una effettiva crisi del metano ma è certo che le auto ‘ibride crescono notevolmente nei favori degli italiani. Fatto sta che le immatricolazione delle auto ibride sono state nel mese scorso 1.523 mentre le auto a metano sono state 1.559, incidendo ciascuna tecnologia per il 2,1% e del 2,2% del mercato complessivo delle auto. Vedremo se ci sarà il sorpasso in un prossimo futuro.
Discorso diverso per le auto elettriche che continuano a mantenere uno 0,1% del mercato totale regredendo in quanto a cifre sia a livello mensile che annuale.

La crescita delle ibride a livello mensile segna una crescita quasi del 80,2% rispetto ad Agosto 2015 e il 50,4% nel periodo Gennaio-Agosto. Le auto elettriche pure invece hanno perso il 4,1% rispetto ad Agosto 2015. Nel computo dell’anno in corso le auto elettriche hanno perso circa il 26,3%. Nel mese trascorso metano segna un pesantissimo segno negativo, – 43,4%, e del 27,9% nell’anno

L’indice di penetrazione delle auto elettriche/ibride sale, grazie alle ibride al 2,2% nei primi 8 mesi dell’anno in corso.

Con i dati forniti dalla ‘UNRAE (l’Associazione che rappresenta le Case estere operanti sul mercato italiano delle autovetture, dei veicoli commerciali e industriali, dei bus e dei caravan e autocaravan) provenienti dal Ministero dei Trasporti, possiamo verificare quale sia la situazione dei primi 4 mesi riguardanti le immatricolazioni delle auto elettriche e ibride, aiutandoci con i nostri grafici per rendere più semplice la visione.

I nostri grafici delineano l’andamento delle vendite mese per mese nell’anno solare a partire dal 2010.

Le auto elettriche pure
Ad Agosto le auto totalmente elettriche sono 47 contro le 49 del 2015 con una riduzione del  4,1% .

Le auto ibride
Nel mese di Luglio sono state immatricolate 1.523 auto ibride con un incremento dell’80,2% rispetto allo stesso mese del 2015.

Novità introdotta quest’anno, non presente nel 2015, nei dati forniti dal Ministero è la suddivisione delle auto ibride secondo l’alimentazione termica, a trazione elettrica + benzina sono 1.511 e 12 in elettrica + diesel.

La progressione mensile delle immatricolazioni delle auto elettriche e ibride a partire da Gennaio 200

Come abbiamo detto l’introduzione delle auto elettriche e ibride nel mercato complessivo delle auto sale al 2,2% nei primi 8 mesi dell’anno.

Vediamo adesso la classifica delle auto elettriche e ibride più vendute a Luglio e nei primi 8 mesi del 2016.

Sui gradini del podio delle elettriche pure a Agosto troviamo :

1° posto – Tesla Model S con18 unità,
2° posto – Nissan Leaf con 9 auto.
3° posto – BMW I3 con 8.

Nei primi 8 mesi del 2016

1° posto – Nissan Leaf con 309 unità,
2° posto –  Tesla Model S con 145,
3° posto –  Citroen C-ZERO con 136 auto.

Le auto ibride più vendute sono:

1° posto – la Toyota Yaris con 640 unità,
2° posto – la Toyota Auris con 298,
3° posto – la Toyota RAV 4 con 425.

Nei primi 8 mesi del 2016

1° posto – la Toyota Yaris con 11.197 unità,
2° posto – la Toyota Auris con 6.054,
3° posto – la Toyota RAV 4 con 2.595.

Tra qualche giorno vedremo il mercato delle auto elettriche/ibride negli Stati Uniti.

MondoElettrico è anche su   
.
Condividi


(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

Fonte(source) —LEGGI TUTTO(read more)—

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.