Stampa / Print
 VS.
Mi è capitato di ascoltare consigli sull’alimentazione dati a terze persone che mi hanno portato a riflettere e la conclusione a cui sono arrivata è che: la parte di una cosa non restituisce i benefici della sua totalità.

Mi spiego meglio: ad un certo punto è stato deciso che mangiare cibi raffinati fosse segnale di benessere e ricchezza e sviluppo, in realtà mangiare cibi raffinati ed impoveriti dei nutrienti fondamentali ci ha reso nel tempo sempre più malati…

è dura tornare indietro, è dura far capire ad alcune persone che pane scuro non significa pane della guerra, se mangio pane integrale non è perchè non ho soldi per comprare il pane bianco tanto bello a vedersi ma è perchè ho capito cosa significa nutrirsi del Cibo Vivo e ricco di nutrienti.

Ultimamente qualcosa si sta muovendo ed allora anche le multinazionali stanno cercando di non perdere clienti e quindi usano titoloni ed immagini evocative per i loro biscotti o pani affermando di usare farina integrale, in realtà poi leggi bene l’etichetta e ti accorgi che si tratta di farina bianca addizionata alla crusca… cosa cambia da prima? assolutamente nulla: ci troviamo di fronte a cibo morto e quello che cambia è solo la presa per i fondelli….

e il germe di grano? ma compralo a parte…. ed ecco qui il nocciolo della questione.

Onore al merito a persone che hanno passato anni della loro vita sui libri, all’università e sono fiera e riconoscente per il loro impegno ma dopo tanti anni passati a leggere quali nutrienti contiene quel cibo specifico o quella molecola hanno un po’ perso il senso dell’insieme.

Quello che fa bene alla nostra salute non è il germe di grano: è il cereale integrale vivo e vitale.. quello che se lo metti a germogliare produce una piantina perchè è ancora vivo… provate a far germogliare il germe di grano o il riso bianco…

perchè fermarsi all’analisi di un pezzettino del quadro del cibo per noi e non allontanarsi dal quadro e vederlo nel suo insieme? 
Cito Campbell a tal proposito: “Il trionfo della salute non risiede nelle singole sostanze nutritive, ma nei cibi naturali che contengono quelle sostanze.”

La salute ci viene dal mangiare le arance ed i peperoni non solo per la vitamina C, altrimenti basterebbe un integratore in pillola di vitamina C ed avremmo risolto tutto… in realtà le arance hanno una varietà di vitamine e nutrienti utili alla nostra salute e forse nemmeno sono stati ancora scoperti tutti…

questo discorso vale per tutti i frutti della Terra, per tutte le verdure, cereali, legumi e semi che abbiamo a nostra disposizione e che mangiati nella loro integrità ci donano una vita sana e felice o meglio il nostro corpo, attraverso la loro metabolizzazione, ristabilisce la salute perfetta e ci mantiene vivi e vitali come tutto ciò di cui ci nutriamo.

Se poi entriamo nel merito delle vibrazioni del cibo, quindi ad un livello più sottile, è fondamentale scegliere bene cosa portare sulla nostra tavola: quanta energia ci sarà nel pane che avremmo preparato noi macinando al momento dei cereali integrali e vivi e quanta ce ne sarà invece in una manciata di germe di grano, separato dal chicco chissà quanti mesi prima e sicuramente trattato per potersi conservare a lungo. 

La logica del mercato è ben lontana dal preoccuparsi per la nostra salute, rimbocchiamoci noi le mani e smettiamola di mangiare surrogati.

Invece di comprare succhi di frutta colorati facciamoci noi un estratto anzi mangiamocela così com’è la frutta che è tanto buona integra 🙂

Mi sono concentrata sul discorso della farina ma il discorso si estende a tutti i campi: mangiando in modo vario e seguendo la stagionalità riusciamo ad ottenere una salute assolutamente perfetta ed impeccabile senza andare incontro a carenze o dover ricorrere a “super alimenti”. 

Madre Natura è perfetta e con l’alternanza delle stagioni ci dona i frutti e le verdure adatte a noi in ogni momento dell’anno.

Se ancora qualche problema rimane nonostante l’alimentazione perfetta allora dobbiamo spostarci al cibo della mente: come nutriamo i nostri pensieri? che emozioni proviamo? siamo felici? la nostra vita ci soddisfa? se non è così le malattie arrivano a ricordarcelo e farci notare cose che abbiamo ben nascosto sotto il tappeto….

La cultura moderna è separazione: separa gli ambiti della medicina, gli elementi nutrienti, separa l’uomo in parti ma noi siamo Uno:

siamo un’Anima incarnata in un corpo fisico con una mente non dimentichiamocene mai neanche a tavola.

Con Amore

Mary

Fonte(source) —LEGGI TUTTO(read more)—

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.