Stampa / Print

papa francesco bergoglio

La rivoluzione di Papa Francesco? E’ quella di svelare al mondo che la Chiesa è un’invenzione umana che vuole sopravvivere adeguandosi ai tempi che sono cambiati da un pezzo. La rivoluzione di Francesco è l’apertura della Chiesa ai divorziati, ai gay, ai musulmani che sconvolge e ribalta la millenaria linea proibizionista su questi temi, tanto cari ai Cattolici tradizionalisti che infatti non sopportano Francesco. La lussuria non è più un peccato e la Comunione si dà praticamente a tutti. Papa Francesco, oltre che per i tradizionalisti, è un personaggio scomodo per il potere ecclesiastico dei cardinali, dei vescovi e di tutto il sottobosco clericale che si nutre di dogmi e di valori che non esistono. Francesco è scomodo perché adegua la Chiesa agli usi del gregge, non il contrario. Si sente costretto a farlo se vuole provare a salvare “la Ditta”, con tutto il suo indotto di influenze sociali ed economiche. Del resto, i giovani sono sempre più atei e distanti da una Chiesa che si è rivelata intrisa delle più disparate e gravi terrene perversioni. Le chiese perdono di importanza, le tradizioni scompaiono e la religione non è più una materia di vita (finalmente). Papa Francesco è lungimirante: sa che adeguando il Magistero della Chiesa ai tempi moderni, non fa altro che indebolirla. L’incedere del Pontefice in una dimensione umana e umile tra i peccatori del gregge, è un cammino che dovrebbe rallegrare gl’inguaribili atei come il sottoscritto. Sì, perché rimpastare le ferree regole divine adeguandole al lassismo, anzi al laicismo odierno, non significa aiutare la Chiesa a identificarsi con la realtà. Significa semplicemente accelerarne la fine. Viva Papa Francesco!


© Daniele Martinelli for Il blog di Daniele Martinelli, 2016. |
Permalink |
No comment |
Add to
del.icio.us

Post tags: , , , ,

Feed enhanced by Better Feed from Ozh

Fonte(source) —LEGGI TUTTO(read more)—

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.