Stampa / Print

divano tricoloredi LUIGI CORTINOVIS

Non hanno mai smesso di fare saldi e offrire i loro prodotti con sconti su sconti, ma la realtà è un’altra. “Natuzzi ha comunicato al Mise che aprirà la procedura di mobilità per 330 lavoratori e lavoratrici”: lo fanno sapere, al termine dell’incontro al ministero dello Sviluppo economico, le segreterie nazionali delle categorie delle costruzioni e del commercio di Cgil Cisl Uil, sottolineando anche che “i tempi sono ormai stretti, il periodo di cassa si esaurisce il 15 ottobre e, come ci hanno ricordato Mise e Ministero del Lavoro, la legge non consente altre proroghe” ma gli accordi “prevedono la ricollocazione del personale. Non è possibile tenere centinaia di famiglie nell’incertezza del proprio futuro” proseguono le segreterie, che proclamano “lo stato di agitazione e la mobilitazione per respingere i licenziamenti e per il rispetto degli accordi”.

Scrive Natuzzi: “L’apertura della procedura di mobilità è una questione esclusivamente tecnica. La cassa integrazione per gli esuberi scade il 15 ottobre 2016 e non è più prorogabile per legge”. E’ quanto afferma Natuzzi, dopo l’incontro al Mise e la presa di posizione dei sindacati, sottolineando che “continua a lavorare con fiducia alla finalizzazione di una soluzione alternativa per la gestione degli esuberi strutturali. Il gruppo – assicura – terrà fede agli impegni assunti in fase di accordo”.

Ammortizzatori sociali a spese dei contribuenti e un solo risultato: posti di lavoro in meno.

The post ECCO IL 47° SEGNALE DELLA RIPRESA: ALLA NATUZZI 330 IN MOBILITÀ appeared first on MiglioVerde.

Condividi


(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

Fonte —LEGGI TUTTO—

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.