Stampa / Print
L’attacco è stato rivendicato dall’Isis. I fedeli si trovavano nel tempio per l’Eid al-Fitr, la fine del mese sacro dell’Islam. Circa 50 persone sono rimaste ferite.

L’attacco a Balad. Credit: Twitter

Alcuni attentatori suicidi e uomini armati hanno ucciso almeno 30 persone in un tempio sciita a Balad 70 chilometri a nord della capitale irachena Baghdad, rivendicato dal sedicente Stato islamico.

Un primo attentatore si è fatto esplodere fuori del mausoleo di Sayid Mohammed bin Ali al-Hadi, a Balad, che è stato poi preso d’assalto da uomini armati, secondo quanto riferiscono le autorità.

Un altro attentatore si è fatto esplodere tra i fedeli in fuga. Un terzo attentatore è stato ucciso prima che riuscisse a far esplodere la sua cintura esplosiva.

I fedeli si trovavano nel tempio per celebrare l’Eid al-Fitr, la fine del mese sacro dell’Islam. Circa 50 persone sono rimaste ferite.

Il sedicente Stato islamico non è nuovo ad attacchi contro gli sciiti, considerati apostati.

Intanto il bilancio delle vittime dell’attentato suicida di Baghdad è salito ancora una volta, arrivando a quota 292 morti.

In risposta alle battute d’arresto sul campo di battaglia, tra cui la recente perdita della città occidentale di Falluja, i militanti hanno intensificato gli attacchi contro i civili.

Il governo iracheno è stato accusato di non fare abbastanza per proteggere i suoi cittadini e ha intensificato la sicurezza nella capitale Baghdad, in risposta alle ultime violenze.

Fonte: The Post Internazionale
Fonte —LEGGI TUTTO—

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.