Notizie “Riservate” Dalla Bafin, Ovvero Dalla “Consob Tedesca”. Pt.5 2/3 [feedly]

Stampa / Print

—-
Notizie “Riservate” Dalla Bafin, Ovvero Dalla “Consob Tedesca”. Pt.5 2/3
// Tra Gli Squali Di Wall Street

Cari amici, si torna a parlare di Deutsche Bank.
Lo so: di acqua, sotto i ponti, ne è passata tanta da quando iniziai ad occuparmi del tema. La chiamata short di oltre un anno fa è stata una delle migliori mai fatte da quando osservo i mercati.
Tuttavia, oggi non parleremo di finanza operativa ma proseguiremo il discorso interrotto qui. Vi ricordo che per leggere tutti gli altri posts dedicati alla tematica “Deutsche Bank” è sufficiente scorrere il post sino alla fine e cliccare sul relativo tag nella sezione “etichette”.
***
b) Cancellazione dei files audio.
Contrariamente all’ordinanza emanata nel Maggio del 2011 dalla FSA, all’epoca autorità britannica deputata alla supervisione, avente ad oggetto l’obbligo di conservare ogni singolo dato ed ogni singola informazione sul LIBOR,disponibili a partire dal 2006, tra i quali le registrazioni delle telefonate, i files audio potenzialmente rilevanti per le investigazioni sulLIBOR Scandal furono distrutti nel Luglio del 2012.
Anche se EY è giunta alla conclusione secondo cui non vi siano fatti tali per cui sia possibile affermare che detti files -inerenti conversazioni intrattenute tra il 2008/2009– siano stati distrutti intenzionalmente e deliberatamente, tale cancellazione può essere giudicata qualeconseguenza di una serie deficienze riscontrate nel processo gestionale/operativo aziendale di riferimento.
La cancellazione rappresenta un evento inaccettabile, poiché avente ad oggetto files riguardanti circostanze rilevanti per la chiarificazione di  condotte oggetto delle investigazioni e sottratti allo scrutinio di varie autorità.
Secondo quanto rilevato da EY, la cancellazione fu dovuta al fatto che, nonostante all’ IPV Voice Team – parte del GTO Team e responsabile per la conservazione dei files audio– fosse stato ….


Fonte —LEGGI TUTTO—

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *