Deflazione Tecnologica: L’energia nucleare diventa una risorsa rinnovabile

Stampa / Print

Su NextBigFuture trovo una bella notizia per annacquare il mare di brutte notizie degli ultimi giorni:

Le ultime ricerche sull’estrazione dell’Uranio dall’acqua marina (pubblicate su Forbes) stanno dando ottimi frutti e hanno reso l’energia prodotta dalle centrali nucleari un prodotto rinnovabile.
Il costo attuale dell’estrazione è sceso a un quarto di quello di solo 5 anni fa: circa 440$ al kg (200$/lb). Il prezzo è attualmente il doppio del prezzo dell’uranio estratto dalle miniere, ma il costo dell’uranio è una parte minima del costo del carburante nucleare delle centrali e questo è un costo minimo (tipo 2-5%) del costo di produzione dell’energia della centrale.
In pratica il costo dell’energia prodotta da una centrale nucleare dipende dal costo di costruirla (in gran parte ingigantito dai tempi imposti da leggi e regolamenti inutili e dannosi).

Nell’acqua dell’oceano ci sono sciolti circa 4 miliardi di tonnellate di Uranio, che sono sufficienti a far funzionare 1.000 centrali da 1.000 GW l’una per 100.000 anni di seguito.
Non solo, la concentrazione dell’uranio nell’acqua dell’oceano è in uno stato di equilibrio con l’ Uranio contenuto nelle rocce sul fondo dello stesso. Per cui, se si estrae l’uranio dall’acqua di mare, l’uranio passa dalle rocce nell’acqua. E ci sono 100 mila miliardi di tonnellate di Uranio nelle rocce sul fondo del mare e sulla terraferma (abbastanza per un paio di milioni di anni usando le 1000 centrali da 1 TW di cui parlavamo sopra come esempio).

E non dimentichiamo che l’acqua di mare non è un bene monopolizzabile o facilmente controllabile, quindi chiunque può approvvigionarsi di Uranio, con questa tecnologia.

Il prezzo dell’elettricità della vostra bolletta (e i prezzi di tutto quello che usa elettricità per essere prodotto, trasportato, conservato, etc.) dipendono principalmente dalle scelte dei politici che eleggete, non dal mercato. Sono loro che vi rendono la vita miserabile, non il mercato, non la ricerca tecnologica.

Condividi


(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

Fonte —LEGGI TUTTO—

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *