VMworld 2015: Containers, vMotion e molto di più!!

Stampa / Print

Ed eccomi di ritorno dal mio primo VMworld a San Francisco!!

E' stata una grande esperienza: il clima è veramente diverso dall'evento europeo e ho avuto la possibilità di creare nuovi contatti ed apprendere in prima persona tutte le novità VMware!!

[Se non fosse stato per qualche disagio lungo il viaggio sarebbe stata un'esperienza perfetta 😛 ]

Per chi ama i riassunti veloci ecco le novità che a mio parere non possono passare inosservate:

  • Cross Clouds vMotion: VMware ha mostrato sul palco la prima vMotion da Cloud privato a Cloud pubblico (vCloud Air)

  • Photon Platform: Si espande la strategia di VMware sui Container. Dopo il lancio di Photon OS e Project Bonneville negli scorsi mesi (durante la DockerCon) VMware ha ora una piattaforma completa per supportare i container: Photon Platform. Photon Platform è una nuova piattaforma per clienti che desiderano una infrastruttura robusta per i loro containers e in grado di supportare diversi orchestration frameworks (ad esempio Docker Swarm, Kubernetes, Cloud Foundry e Mesos). La nuova piattaforma ha la robustezza ed efficienza tipica di ESXi corroborata dai nuovi tool "container-optimized" di VMware (Photon Controller, Photon OS, Istant Clones e Project Bonneville)
  • vSphere Integrated Containers: questa tecnologia complementare a Photon permette agli amministratori di un ambiente VMware di poter ospitare containers di diverse tecnologie nella maniera più semplice ed efficace possibile senza dover introdurre nuove piattaforme (o server fisici!!): direttamente sui loro mserver ESXi. Questo permette di valorizzare gli investimenti già effettuati ma apre anche all'introduzione di nuove tecnologie in maniera graduale ed ottimizzata

  • VMware EVO SDDC: precedentemente noto come EVO: RACK questa è la modalità più semplice per creare un Software Defined DataCenter (SDDC appunto 😉 ) con tutte le componenti e i software VMware

  • VMware NSX 6.2: La nuova release del prodotto di network virtualization di VMware con supporto migliorato ai casi di disaster recovery ed continous availability (temi che mi sono molto cari). Da segnalare che le sessioni di NSX erano stra-piene di persone: l'interesse per questo prodotto è davvero ai massimi!!

Ecco anche 5 consigli per chi partecipa ad un evento con così tante persone (lesson learned insomma :P):

  • Networking, Networking and Networking!! Non abbiate paura di scambiare due chiacchiere durante l'evento. Potrebbe essere l'occasione per conoscere qualcuno che cambierà la vostra carriera o più semplicemente vi aiuterà a risolvere quel problema architetturale che avete da tempo 😉
  • Vitamina C: una buona dose di vitamina C ogni mattina  tiene lontani i mali da conference e la tosse da aria condizionata
  • Presto a letto -> presto in piedi e alle session. Il jet lag aiuta in questo senso 😛
  • Prendetevi cura dei vostri piedi e delle vostre gambe ie.. "no texting while stairing" 😛 Oppure usate una app tipo TypeNWalk (Thanks Rugge per il suggerimento!!) 
  • Attenzione ai vostri gadget tecnologici: tenete sempre sotto mano una batteria per la ricarica e preparatevi ad un remote wipe se perdete il vostro Iphone/tablet

E ora per chi ama i dettagli e vuole qualche link ai contenuti più interessanti/segreti..

[Continua a leggere]
Continua a leggere…»
Fonte —LEGGI TUTTO—

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *