Stampa / Print
"Elmetto in testa e parte la guerra contro le liste d'attesa. Il buon lavoro portato avanti nella sanità del Lazio, smentendo cornacchie e cornacchioni, ha fatto sì che il governo riconoscesse alla nostra Regione ben un quarto del miliardo di fondi stanziati per l'edilizia sanitaria – così in una nota Michele Baldi, Capogruppo della Lista Civica Nicola Zingaretti al Consiglio Regionale del Lazio – Questo significa ristrutturare e salvare – continua Baldi – tutta una serie di realtà o fatiscenti o inadeguate, migliorandone efficienza e ricettività. Si inverte la tendenza e il Lazio, invece di continuare a precipitare tra debiti e strutture insufficienti, comincia a risalire. Il percorso è ancora lungo e di questo siamo tutti consapevoli per cui, soddisfazione tanta, ma trionfalismi zero, almeno fino a quando non avremo azzerato gli ultimi 350 milioni di debito e recuperato 8.500 unità perse a causa del commissariamento con lo sblocco totale del turn over e l'uscita dal commissariamento stesso. Questo però significa che da oggi, tra le tante priorità, c'è quella di abbattere le liste d'attesa, un problema umiliante e vergognoso che può essere finalmente risolto. E le 450 assunzioni di quest'anno sono un altro segnale dell'inversione di tendenza. Ora il piano presentato oggi, d'intesa col governo e grazie all'infaticabile lavoro della cabina di regia regionale, è l'ennesimo passo avanti di tutti quelli che, all'interno di questa Regione, sentono nella pelle la sofferenza di tanta gente che ha bisogno di risposte concrete. Se sapremo correre bene e se nessuno ci fermerà per i soliti inconfessabili interessi personali, ce la faremo" conclude. 


www.CorrieredelWeb.it

Fonte —Leggi Tutto—

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.