Stampa / Print
COME TI RICICLO LO SCARTO DELLA CENTRIFUGA!
Torta di mele e carote al profumo di cannella

Non tutti i giorni, ma molto spesso, mi preparo dei concentrati di vitamine e nutrienti: i succhi.

I succhi altro non sono che dei centrifugati.

Ultimamente riscuote molto successo l’estrattore che, a differenza della centrifuga, gira più lentamente riscaldando meno gli alimenti, particolarità che dovrebbe conservare tutti gli elementi nutritivi intatti.
Il costo varia non poco anche se i prezzi sono calati e si trovano degli estrattori a 90/100 euro, mentre una centrifuga si acquista anche a 25 euro.
Beh, io ho ancora una vecchia centrifuga funzionante, e anche se il residuo non è proprio secco, segno che conserva ancora una piccola parte di liquidi, continuo ad utilizzarla sicura che molti nutrienti li ritrovo nel succo.
Il mio succo preferito è costituito da carote e mele: naturalmente dolce.
Il residuo lo possiamo destinare al compostaggio, ma a volte, quando si dispone di tempo, utilizzarlo, in una facile e veloce torta, ci “addolcisce” la giornata, inoltre possiamo sostituire i biscotti industriali, la merenda dei bimbi …
Ho utilizzato per dolcificare il miele e lo zucchero di canna, ma per utilizzare un dolcificante con minor indice glicemico possiamo sostituire lo zucchero di canna con lo zucchero di cocco o lo sciroppo d’acero.
Ho provato la versione Vegan e anche quella non Veg ed il risultato è ottimo, a mio parere, provateci e fatemi sapere.
Considerate che lo scarto della mia centrifuga è ancora abbastanza umido, quindi l’impasto ne risulta morbido. Qualora il residuo sia più secco, potrete aggiungere del succo di mela, dell’olio extravergine o del burro ghi per rendere l’impasto più morbido.

Ingredienti:

      Residuo della centrifuga di 2 mele e 6 carote medie.

      3 cucchiai (da minestra) colmi di farina di grano tenero integrale.

      3 cucchiai colmi di farina integrale di riso.

      3 cucchiai colmi di farina di mandorle, è lo stesso se utilizzate le mandorle intere e le riducete a farina grossolana nel mixer.

      1 uovo o, in sostituzione per avere un prodotto vegan, una bustina di “senz’uovo” . “Senz’uovo” lo trovate facilmente nei negozi specializzati in alimentazione naturale ed è a base di farina di ceci, amido di mais, farina di semi di carrube e curcuma.

      Un vasetto di yogurt. Per la versione vegan utilizzate uno yogurt vegetale, io ho utilizzato il Kefir di latte.

      2 cucchiai colmi di miele, io utilizzo quello di acacia che ha un gusto delicato.

      2 cucchiai colmi di zucchero di canna o zucchero di cocco.

      1 bustina di lievito.

      ½ cucchiaino da caffè di vaniglia in polvere.

      Scorza grattugiata di un limone bio.
Lavorate il residuo con l’uovo, lo zucchero, il miele e lo yogurt.
Aggiungere, mescolando e ponendo attenzione a non formare grumi, le farine, il lievito e la scorza del limone.
Stendere in una teglia di diametro 26 foderata con carta forno e spolverizzare la superficie con cannella e zucchero di canna .
Cuocere in forno alla temperatura di 180° per 40 minuti.

Per la presenza delle mandorle è una buona e sana alternativa agli snack, a merenda o come spuntino a metà mattina.

Provate, sperimentate e fatemi sapere!


Scritto da Angela Ballarati
Metti “mi piace” sulla mia pagina facebook: benessere natural-mente
Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a scopo informativo, si declina pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare, evitare in caso di ipersensibilità accertata verso uno dei componenti. I suggerimenti e le indicazioni descritte in quest’articolo non intendono in alcun modo sostituire le terapie consigliate dal proprio medico curante. L’autrice non è responsabile delle possibili conseguenze legate all’incompleta od erronea interpretazione del testo. Le foto e i testi sono riproducibili, non a scopo di lucro, altrove, solo citando la fonte: autore e link attivo del blog. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché è aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto , non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001.
 
  

Fonte —Leggi Tutto—

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.