TEFF e farina di teff, cereale senza glutine, integrale, digeribile e nutriente

Stampa / Print
TEFF e FARINA di TEFF: naturalmente senza glutine
E’ uno dei pochi cereali che può essere panificato ed è molto utilizzato nei prodotti da forno
Il teff o tef, Eragrostis tef, è un cereale dell’Etiopia e dell’Eritrea, risalente a prima del 4000 a.C.
La pianta può raggiungere il metro e i suoi semi, piccolissimi, sono tra i più piccoli al mondo, 1 mm. Deve infatti il suo nome, che nell’etimologia popolare significa “perduto”, alla facilità con cui possono scivolare fra le dita ed essere, appunto, persi.

Il teff, oltre ad essere privo di glutine, è adatto a chi soffre di celiachia ed è anche molto digeribile.

Ha un buon valore nutritivo determinato dalla presenza proteica, dal basso contenuto di grassi e dal buon contenuto di minerali e fibre.
100 g di prodotto sono costituiti da 65 g di carboidrati, 12 g di proteine e 2,1 g di grassi;  è ricco di fibre, contiene calcio, magnesio (che aiuta il calcio a fissarsi alle ossa)e ferro bio-disponibile, vitamina B1 e B2.

Il teff è integraleperché è impossibile separare la parte corticale date le dimensioni, quindi la farina è sempre integrale e questo è un vantaggio che rende integro, da un punto di vista nutrizionale, sia il cereale che la farina. Inoltre è un seme molto resistente all’umidità e alle muffee riesce a germinare anche dopo 4 anni. 

E’ un cereale abbastanza calorico, fornisce 400 Kcal per 100 g di prodotto contro i 335 della pasta integrale o le 362 calorie del riso bianco.

Il teff può essere bianco o rosso, dove la varietà chiara presenta un costo maggiore per il tipo di coltivazione;  la farina ha una colorazione marrone chiaro e un leggero sapore di nocciola.
COME SI CUCINA

E’ molto simile all’amaranto e al miglio, non richiede ammollo, si cuoce in 20 minuti, a fuoco basso, con un rapporto di 4:1 cioè una parte di cereale e 4 di acqua salata. Fate assorbire l’acqua di cottura in modo che non si disperdano i sali minerali e condite con olio evo (extravergine di oliva) ed erbe o spezie in base al gusto personale. 
I chicchi sono talmente piccoli che, una volta cotti, ricordano per consistenza, il semolino, a me piace un sacco.
Si accompagna a verdure croccanti al vapore, formaggi e, in generale, potete seguire le ricette del miglio o  dell’amaranto.

La farina di teff è ideale per la panificazione, per la preparazione di dolci, come biscotti o torte e, con l’aggiunta di lievito, aumenta il volume più della farina di riso. Si utilizza  anche per pane, grissini e per la pizza.
In Etiopia si usa per produrre l’injera, una specie di piadina spugnosa acidula, fatta fermentare. La fermentazione aumenta il contenuto in proteine.
Adottatela da sola o miscelata con altre farine. Magari, se non la conoscete, iniziate con piccole aggiunte alle farine utilizzate solitamente, così potrete osservare la resa e tastarne il sapore.
Io mi sono buttata in una torta con sola farina di teff e il risultato ottenuto è stato all’altezza delle aspettative, dopo quanto avevo letto.
A breve sul blog pubblicherò la ricetta.
DOVE TROVARLO?
Si acquista nei negozi di alimenti biologici e naturali e anche on-line al prezzo di circa 5 euro per 400 g per farina di teff e 4 euro per il cereale in chicchi.
Scritto da Angela Ballarati
Metti “mi piace” sulla mia pagina facebook: benessere natural-mente
Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a scopo informativo, si declina pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare, evitare in caso di ipersensibilità accertata verso uno dei componenti. I suggerimenti e le indicazioni descritte in quest’articolo non intendono in alcun modo sostituire le terapie consigliate dal proprio medico curante. L’autrice non è responsabile delle possibili conseguenze legate all’incompleta od erronea interpretazione del testo. Le foto e i testi sono riproducibili, non a scopo di lucro, altrove, solo citando la fonte: autore e link attivo del blog. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché è aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto , non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001.

Fonte —Leggi Tutto—

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *