informarmy.net
La calendula per mestruazioni irregolari e irritazioni della pelle
Stampa / Print

Un uso insolito della calundula è come sostituto dello zafferano: non ne ha niente in comune, nè in aroma nè in sapore, ma solo nella colorazione, infatti molti paesi europei usano i petali per colorare il burro e il formaggio. è cosa nota fin dall’antichità.
è una pianta spontanea presente quasi tutti i mesi dell’anno e in Italia è coltivata sia per uso medicinale che ornamentale.
I suoi fiori si aprono e chiudono col sorgere e tramontare del sole.
In erboristeria si usano fiori e foglie per il contenuto in caroteni, olio essenziale, resine.
La raccolta dei fiori si fa la mattina, quando sono ancora chiusi, tra aprile e maggio o settembre e novembre.
Le foglie si raccolgono da marzo a novembre.
La calendula è nota per regolare il ciclo mestruale, sia nella pubertà sia nell’età che precede la menopausa, e per calmare i dolori addominali di questi periodi.
Ha poi proprietà antinfiammatorie, decongestionanti, lenitive e idratanti.
Per via esterna cura le scottature e lenisce le contusioni.
La medicina popolare la indica come rimedio infallibile per estirpare i calli e contro i geloni.

Infuso regolatore del ciclo: per regolare il ciclo mestruale è utile bere 2 volte al giorno, prima dei pasti, una tazza di infuso preparato con 2 grammi di fiori di calendula secchi e 1 tazza di acqua bollente.
Bere dolcificando con miele.

Impacco decongestionante per le scottature e irritazioni: preparare un decotto facendo bollire per 8 minuti 50 grammi di foglie e fiori di calendula in mezzo litro di acqua. Lasciare raffreddare, filtrare, imbevere compresse di cotone da applicare per 15 minuti sulle parti interessate.
Indicatissimo per pelli arrossate o che presentano forti irritazioni. Trovano beneficio anche le scottature solari.

Fonte

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.