informarmy.net
Guida a Blender Game Engine motore di gioco che ti permette di creare delle applicazioni 3D.
Stampa / Print
blender game engine
Blender possiede un proprio motore di gioco che ti permette di creare delle applicazioni 3D interattive.
Il motore di gioco di Blender (BGE) è uno strumento di programmazione di alto livello.
Il suo compito principale è lo sviluppo di videogiochi (Game Development), ma può essere utilizzato per creare qualsiasi programma interattivo tridimensionale per altri usi, quali tour interattivi per i progetti architettonici, o ricerche scolastiche di fisica.
Il loro scopo è quello di offrire una interfaccia visuale facile da utilizzare per la creazione di applicazioni interattive, il tutto senza bisogno di alcuna conoscenza dei linguaggi di programmazione. Ci sono tre tipi di Blocchi Logici, ovvero Sensori, Controller e Attuatori. Eccoli spiegati in maniera più dettagliata<.
Se preferisci puoi creare videogiochi con Python, il motore di gioco ha il suo specifico Python API, separato dal resto di Blender, che puoi usare per scrivere nuovi script per il controllo del tuo gioco. Ciò avviene con la creazione di un Python Controller e linkandolo ad uno script in python.
blender-theme
Subpages Camera.
  Dome mode
Features Logic.
  Actuators
     2D Filters
     Action
        Common
     Edit Object
     IPO
     Motion
     Property
     Scene
     Shape Action
  Controllers
  Object type
     Dynamic
     No collision
     Occluder
     Rigid body
     Sensor
     Soft body
     Static
  Properties
  Sensors
     Types
Physics Python Python API.
  Bullet physics
  VideoTexture
blender game1

blender game

blender-213203
blender-16
blender1

Se ti è piaciuto l’articolo, iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

Fonte: http://nelregnodiubuntu.blogspot.com/2013/05/guida-blender-game-engine-motore-di.html

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.