GIOVANI: ATTENZIONE A GRILLO E AL MOVIMENTO 5 STELLE

Stampa / Print
di Antonio Bassi

I giovani
sono il futuro. Quante volte avete sentito questa frase? Nel mondo dei sogni
questo assunto puo’ essere vero, nella realta’ e’ solo una frase fatta. I
giovani dovrebbero essere il futuro, ma non lo sono ne’ lo saranno, perche’ un
manipolo di maiali a cui escono soldi dal sedere si e’ messo in testa di
depredare definitivamente i popoli e i loro Stati dei resti della
pseudo-sovranita’ e della pseudo-democrazia nate in seguito alla Seconda Guerra
Mondiale. Perche’? Per avere ancora piu’ potere e controllo su una piu’ vasta
area geografica: il mondo intero.

Stiamo
vivendo la Terza Guerra Mondiale, perpetrata non con le armi ma attraverso la
manipolazione dei mercati, il potere finanziario e la false flag della crisi,
creata a tavolino, che offre pretesti per imporre agli stati scelte politiche
che altrimenti sarebbero proibite dalle Costituzioni  e arraffare i beni e la proprieta’ del
popolo.  Sembra un film di James Bond ma
purtroppo e’ la realta’. Per chi non e’ abituato a guardare oltre il proprio
naso occorrera’ tempo e studio per verificare ed accettare questa tesi. 
Una
volta spazzati via i grandi regimi dittatoriali del XX secolo, li hanno
rimpiazzati con la democrazia – la piu’ perfetta delle dittature se pilotata ad
arte dalle persone sbagliate –  in cui il
popolo e’ sovrano e sceglie, tramite il voto, i suoi rappresentanti che
andranno a governare per il bene dei cittadini. Niente di piu’ falso. Gli
stessi che ci hanno liberati dai tedeschi e dai russi ci hanno anche
letteralmente privato di qualsiasi liberta’, ma in modo da farci credere che
fossimo liberi e padroni del nostro destino. Come? Attraverso una democrazia
pilotata dalla CIA e dalla NATO.

In democrazia la maggioranza vince, quindi e’
sufficiente assicurarsi che la maggioranza sia mentalmente succube della
propaganda e quindi controllabile per avere il dominio sulla totalita’ della
gente. A quel punto sta alla minoranza mentalmente libera aiutare chi non lo e’,
a liberarsi. I pochi che hanno tentato di contrastare il potere dei nuovi
coloni sono stati brutalmente ammazzati sotto gli occhi di tutti. Alcuni nomi:
Enrico Mattei, Aldo Moro, Giovanni Falcone. Riguardo alla loro vita e morte
violenta ci hanno raccontato storie incomplete o false, cosicche’ la gente non
potesse arrivare mai alla verita’.  Li
hanno praticamente cancellati dalla nostra memoria rimpiazzandoli con reality
shows, talent shows, social networks, falsi profeti e marchingegni tecnologici.
Adesso, cari
i miei giovani, siamo al capolinea. Con l’avvento dell’Unione Europea e
dell’Euro, I maiali a cui escono soldi dal sedere stanno portando a compimento
il piano che hanno architettato a nostra insaputa nel corso di mezzo secolo,
forti della copertura dei politici corrotti o ricattati. Con i recenti Trattati
che ogni paese della Comunita’ ha firmato, particolarmente con il Trattato di Lisbona
e i recentissimi  Fiscal Compact e
Meccanismo Europeo di Stabilita
’, hanno mandato definitivamente in pensione la
nostra Carta Costituzionale, che era gia’ di per se’ uno specchietto per le
allodole. Non c’e’ speranza, non c’e’ messia di turno che ci togliera’ dai
guai, non c’e’ sindacato che difendera’ i diritti dei lavoratori. Non c’e’
niente e nessuno a difenderci. Questa volta siamo soli. Completamente soli.
L’obbiettivo
che sembra profilarsi all’orizzonte e’ l’abolizione della moneta cartacea e la
sua sostituzione con un sistema elettronico controllabile. Per convincerci ad
accettare una cosa simile, useranno pretesti apparentemente giusti. Ci
mostreranno come, finche’ esistera’ il contante, sara’ impossibile tracciare le
transazioni e applicare una efficace politica di lotta all’evasione
fiscale.  In seguito all’approvazione
della moneta elettronica, ci costringeranno ad usarla attraverso il ricatto.
Niente sara’ piu’ acquistabile se non attraverso la moneta elettronica. Chi ha
orecchie intenda.  
Nei primi
anni Novanta, un potere allora occulto ha fatto fuori in pochi mesi e con un
colpo di spugna l’intera classe politica italiana, che aveva governato col
benestare di quello stesso potere per decenni. Il 1992 e’ un anno molto
importante, in quanto segna l’omicidio di Falcone, l’inizio di Mani Pulite –
che ha spazzato via la vecchia classe dirigente con il pretesto di due
spiccioli rubati – e lo sbarco nel porto di Civitavecchia del Britannia, il
panfilo della Regina d’Inghilterra. Cosa c’entra il panfilo della Regina?
C’entra parecchio e infatti nessun politico ne ha mai parlato negli anni a
seguire e nessuno ne parla oggi. Sul Britannia e’ stata decisa la svendita
delle aziende italiane in cambio di pane e cipolle, avvenuta grazie all’aiuto
dei leader della nuova sinistra europea, nata dalle ceneri del Comunismo, tutti
appartenenti ad organizzazioni di potere segrete quali il Bilderberg e la
Trilateral Commission e infimi servi di Goldman Sachs.
I politici
della nuova sinistra europea, nata delle ceneri del Partito Comunista, sono
miracolosamente rimasti illesi nel processo di epurazione Mani Pulite ed hanno
di fatto aperto le porte alle oligarchie del potere finanziario che ci hanno
depredato della pseudo-sovranita’ politica e monetaria di cui godevamo fino al
pensionamento della Lira. 
Craxi cerco’ di lanciare un messaggio tra le righe
nel suo famoso ultimo discorso in parlamento e nelle interviste rilasciate
prima della sua caduta, avvertendoci che tutti coloro che facevano parte del
sistema erano compromessi e che il Trattato di Maastricht andasse
immediatamente rinegoziato, pena il limbo o l’inferno in cui sarebbe finita
l’Italia nella nuova Unione Europea a venire. Ma certamente lui era un ladro,
un bastardo, uno di cui non bisognava fidarsi, mentre il PDS era il partito dei
buoni e della povera gente. Aveva ragione Craxi.
Per fortuna
adesso e’ arrivato Grillo, il comico genovese di nome nobile (Grillo, appunto)
che, partendo dal basso (ci credete?), ha miracolosamente scalato l’Everest
fino ad arrivare in cima, facendo stranamente colpo sugli americani che lo
hanno persino insignito di una copertina su Time Magazine. Goldman Sachs ha
recentemente “benedetto” l’avvento del Movimento 5 Stelle di Grillo e
Casaleggio. Ma Grillo non doveva essere l’antagonista del potere
finanziario?  Ha ricevuto attenzioni
particolari persino dal Papa e da Tarcisio Bertone, cosa strana vista la natura
del personaggio, apparentemente ostile a qualsiasi forma di organizzazione di
potere che non origini dal basso. Grillo e il suo movimento, fondato insieme a
Gianroberto Casaleggio tramite atto notarile, hanno raccolto una grossa
percentuale di potenziali non votanti che si sarebbe sommata alla altrettanto
grossa percentuale di effettivi non votanti.  

Senza il Movimento 5 Stelle
avremmo avuto un potenziale 50% di cittadini che si sarebbero astenuti dal
voto, ed un conseguente potenziale inizio di problema per il sistema politico
europeo, che non puo’ permettersi di avere un’Italia instabile sull’orlo della
rivolta popolare. 

Il Movimento 5 Stelle ha portato questi cittadini alle urne e
ha permesso al sistema di andare avanti. Il Movimento 5 Stelle ha consentito
alla “crisi” di andare avanti ed ha impedito agli Italiani di insorgere e
reclamare indipendenza. Basta leggere il programma del Movimento 5 Stelle, dove
di tutto si parla meno che dei veri problemi che ci stanno riducendo ad un
paese del terzo mondo. Grillo ha cavalcato le false flags delle ruberie dei
politici, dei rimborsi elettorali, degli stipendi dei parlamentari, delle
energie rinnovabili e di altri temi in questo momento totalmente irrilevanti
per l’Italia, per accaparrarsi l’attenzione di tutti quelli che, seppur ancora
addormentati, si erano accorti quantomeno che la sinistra li aveva fregati e
che, piu’ in generale, non esistono veramente una destra e una sinistra. Il
tutto col benestare e il sostegno dello Zio Sam, con cui ha avuto un incontro
segreto nel 2008, di cui ne’ lui ne’ i politici ne’ la stampa hanno mai
parlato.

I problemi
dell’Italia non sono i rimborsi ai partiti, gli stipendi dei parlamentari, gli
inceneritori o la corruzione (propria di tutti i paesi avanzati, primi tra
tutti gli USA): i nostri problemi sono l’EU, l’Euro e la NATO. 
Il debito degli
Italiani non e’ piu’ con il loro stesso governo nazionale (cioe’ con loro
stessi), come era quando avevamo la moneta sovrana, ma con organismi esterni
alla nostra Repubblica. Non prendiamo piu’ soldi in prestito dallo Stato ma
dalla BCE, che emette la moneta, e dobbiamo ridarli tutti indietro attraverso il
pareggio di bilancio. E’ come se un uomo mandasse avanti la sua famiglia non
con i suoi soldi guadagnati lavorando ma con prestiti bancari ad interesse. Per
ripagare il debito con la banca, una volta esauriti i soldi spesi in cibo,
tasse, servizi e quant’altro, si dovra’ fare un altro prestito, il quale dovra’
anch’esso essere ripagato con gli interessi. E cosi’ via.
Grillo non
affronta questi temi, pur urlando nelle piazze la frase “sovranita’”. Il nuovo
messia, dall’alto della sua montagna di soldi, propone un referendum sull’euro,
sapendo benissimo che in un paese come l’Italia, dove la maggioranza pensa che
il MES sia una malattia o una sostanza stupefacente, pochissimi avrebbero il
coraggio e la consapevolezza di votare per un ritorno alla moneta nazionale.
Basterebbe un po’ di propaganda pro-euro e qualche minaccia di tracollo
economico da parte del FMI o della BCE per farla fare sotto alla maggioranza
degli italiani ignari. In Irlanda e’ andata esattamente cosi’. Con il
referendum si sono definitivamente fregati con le loro stesse mani.
Nessuno
parla dei veri problemi dell’Italia, nemmeno il prediletto di Goldman Sachs
Beppe Grillo. Siamo nelle mani di sporchi, grassi e abbronzati servi del
potere, che manipolano le nostre menti e portano avanti l’agenda delle
oligarchie con lo scopo di impadronirsi di beni, servizi e territorio. Quello
che una volta facevano con le armi, oggi lo fanno con artifici economici e
politici, aiutati dai nostri rappresentanti che non meritano neppure
l’appellativo di esseri umani.
La verita’
e’ che in Italia la liberta’ non c’e’ mai stata. Siamo sempre stati sudditi di
qualcuno e non abbiamo ancora reclamato l’ indipendenza dai nostri padroni. Per
questo mi rivolgo a voi, studenti e giovanissimi di tutta Italia: aprite gli occhi,
cercate per un momento di essere obbiettivi e liberi da qualsiasi ideologia o
forma di pensiero inculcata dalla propaganda. Leggete, informatevi, verificate
le informazioni, analizzate e ragionate in modo critico su tutto e tutti. Non
vi fate convincere da nessuno, soprattutto dai falsi profeti che parlano della
e alla povera gente dall’alto di una montagna di soldi. Non vi fidate di chi
cerchera’ di strumentalizzarvi. Fidatevi solo del vostro cervello e dei fatti.
Qualcuno disse “l’albero buono si riconosce dai frutti”, per cui cercate prima
i buoni frutti e troverete l’albero buono che li ha prodotti. 
Voi siete il sale
della terra, voi avete il potere di dire NO e di cambiare il corso della
storia. Ricordate che noi siamo noi e “loro” sono loro. Le grandi rivoluzioni
culturali del XX secolo sono partite da voi. Adesso abbiamo ancora una volta
bisogno del vostro aiuto.

Sulla vicenda del Britannia
Su Grillo
Dichiarazioni del giudice Ferdinando
Imposimato (da scaricare prima che lo censurino)
Dichiarazioni di Bettino Craxi
Sulla crisi e il passaggio di potere
a Monti
Sulla denuncia a esponenti della EU
per crimini contro l’umanita’ e sul ruolo della EU
Nigel Farage
Sul Trattato di Lisbona
Sul caso Mattei, dichiarazioni di
Benito Li Vigni (da scaricare)
Per informarvi meglio
Programma ME-MMT di salvezza economica
per il Paese

http://paolobarnard.info/docs/programma_memmt_orig.pdf

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *