LA TECNOLOGIA C’E’, LA CONOSCENZA C’E’: TERREMOTI E TSUNAMI SI POSSONO CREARE

Stampa / Print

project-seal-1301609926w500

Scrive Enzo Pennetta il 6 gennaio 2013

A soli due mesi dalla conferenza di Firenze è stato confermato uno dei punti più critici dell’intervento del Generale Mini.

Dal 1944 gli USA hanno testato tsunami artificiali

Il ricercatore e regista televisivo Ray Waru
esaminando nel corso di una sua ricerca gli archivi nazionali
neozelandesi ha trovato le prove di qualcosa che era stato riferito dal Generale Fabio Mini nel corso della conferenza di Firenze de 27 ottobre scorso e di cui avevamo parlato in Ripensare il concetto di Guerra: video della conferenza del Gen. Fabio Mini.

Il riferimento è alla vicenda degli esperimenti
eseguiti verso la fine della II guerra mondiale per provocare degli
tsunami artificiali da utilizzare come arma, come è possibile vedere nel
filmato:

Dichiarazioni Gen. Fabio Mini (short version)

La notizia del ritrovamento delle prove degli esperimenti è rimbalzata su diversi organi d’informazione, dal TelegraphTsunami bomb’ tested off New Zealand coast“, al New Zealand HeraldNZ, US attempted to create tsunami bomb“, anche in italia la notizia è giunta ed è stata riportata il 3 gennaio scorso dal Corriere della SeraQuella bomba-tsunami pensata dai militari Usa“, in cui leggiamo:

 …nel giugno del 1944 gli Usa assieme alla
Nuova Zelanda portarono avanti l’operazione «Project Seal» per testare
nelle acque della Nuova Caledonia ordigni in grado di provocare un’onda
anomala alta fino a dieci metri e capace di distruggere anche una
piccola città costiera.

[…]

 La collaborazione militare tra Stati Uniti e
Nuova Zelanda continuò per oltre 40 anni fino a quando negli anni
ottanta il governo neozelandese decretò che nessuna nave armata con
testate nucleare potesse entrare nelle sue acque territoriali. Gli Usa
considerarono questo un affronto e declassarono il rapporto con l’antico
partner, considerandolo non più uno stato alleato, ma solo un paese
amico.

.

La rilevanza di quanto affermato è evidente: le
ricerche per la produzione di tsunami artificiali andò avanti fino agli
anni ’80, e come poteva essere facilmente immaginato faceva riferimento
all’uso di armi nucleari.

Ma cosa dobbiamo dedurre dal fatto che la Nuova Zelanda vietò l’ingresso di navi dotate di testate nucleari?
Non ci vuole molta immaginazione per pensare che gli esperimenti
proseguirono e che furono condotti con l’impiego di testate nucleari, ma
dagli anni ’80, non più in Nuova Zelanda.

Questo riscontro dovrebbe spingere ad approfondire la ricerca
nella direzione delle numerose denunce fatte dal generale nel corso
della conferenza, fatti di cui i giornali dovrebbero occuparsi ogni
giorno per non permettere che non parlandone si verifichino
insabbiamenti.

Ma con una facile previsione possiamo dire che nessuna di quelle denunce avrà un seguito.

Il 3 gennaio è passato da solo 3 giorni, e la notizia degli tsunami artificiali è già scomparsa dai quotidiani.

http://www.enzopennetta.it/2013/01/dal-1944-gli-usa-hanno-testato-tsunami-artificiali/

Nel documento:

OSS PSYCHOLOGICAL WARFARE EARTHQUAKE PLAN
AGAINST JAPANESE HOMELAND 1945
si parla di un altro fattore da utilizzare. Questo è il fattore terremoto.
We should be ready to take advantage of this to increase the
psychological pressure on growing panic temperament (original:
temperment) created by the intense physical destruction of Japan.

METHOD: ….
Two outstanding factors have played a major historical role in creating
social hysteria and panic among the Japanese; they are fire and
earthquake. When these have occurred during times of great economic
pressure, there has often followed social chaos. We know now that the
economic factor is present; the fire factor is being supplied by our
extensive bombing with ineedarises. There now remains but one other factor for us to utilize. This is the earthquake factor.

Seismologists reveal Japan to be a geological mine. The evidence
of geological maps and the record of seismic disturbances bear witness
to the unstable condition of the earth’s interior immediately beneath
Japan. Harbored within this interior is a latent force of tremendous
destructiveness.
When triggered, this latent energy which has been accumulating over a period of years, it released in a recurrent earth-shaking wave.

Il testo del documento ( su pagina 10) DOC: テキスト資料 

Per approfondire:

http://geographicalimaginations.com/2013/01/03/danger-on-the-shore/

  1. Leech, Thomas D.J (18 December 1950). Project Seal: the generation of waves by means of explosives

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *