Cancellieri: “Il permesso di seppellire De Pedis in S. Apollinare? Arrivò dalla Cei”

Stampa / Print

Il ministro dell’Interno
risponde con una lettera all’interrogazione di Walter Veltroni che
chiedeva conto della sepoltura del capo della banda della Magliana nella
basilica. “Fu il cardinal Poletti a firmare l’autorizzazione”. I nuovi
documenti trasmessi all’autorità giudiziaria. L’avvocato della famiglia
del boss della Magliana: “I familiari non si opporrebbero a un eventuale
spostamento della tomba”

La basilica di S.Apollinare

Il
permesso per seppellire il capo della banda della Magliana nella chiesa
di Sant’Apollinare arrivò direttamente dalla Cei. E’ stato infatti il
cardinal Ugo Poletti il 10 marzo 1990 a rilasciare il “nulla osta della Santa Sede alla tumulazione della salma”. Così scrive il ministro dell’Interno Annamaria Cancellieri in una lettera a Walter Veltroni che aveva presentato un’interrogazione sulla questione.
La
basilica di S. Apollinare, rileva il ministro, “non è territorio dello
Stato del Vaticano” ma gode di un “particolare regime giuridico,
definito dalla Corte Costituzionale ‘privilegio di extraterritorialità”
che si traduce “nel riconoscimento alla Santa Sede della facoltà di dare
all’immobile “l’assetto che creda, senza bisogno di autorizzazioni o
consensi da parte di autorità governative, provinciali, comunali
italiane”.
Nella lettera del ministro Cancellieri si ammette che
ieri pomeriggio sono stati acquisiti documenti che hanno consentito di
appurare una serie di circostanze. “In data 10 marzo 1990 il cardinal
Ugo Poletti – scrive Cancellieri – rilasciava il nulla osta della Santa
Sede alla tumulazione della salma di De Pedis nella Basilica di S.
Apollinare”. Il 20 marzo 1990 “monsignor Pietro Vergari,
attesta, nella qualità di Rettore della Basilica di S. Apollinare, che
la stessa è soggetta allo speciale regime giuridico di cui all’articolo
16 della legge n. 810/29 sopra richiamato. E poi la famiglia De Pedis
ottiene, in data 23 marzo 1990, dall’autorità comunale
l’autorizzazione all’estumulazione della salma del congiunto dal
Cimitero monumentale del Verano per il successivo trasferimento alla
Basilica di S. Apollinare in Roma”.
“La famiglia De Pedis chiede
nella stessa data, 23 marzo 1990, l’assistenza sanitaria per la
traslazione della salma ‘nella Basilica di S. Apollinare Stato Città del
Vaticano’. La famiglia De Pedis ottiene in data 24 aprile 1990 dalla
autorità comunale l’autorizzazione al trasporto della salma del
congiunto ‘da Roma a Città del Vaticano’”. Dei nuovi documenti, chiude
la lettera, “è stata informata l’autorità giudiziaria”.
“La lettera del Ministro Cancellieri è molto importante – ha replicato lo stesso Veltroni
– fissa dei dati che mutano l’analisi della situazione”. Secondo l’ex
segretario del Pd lo status della “basilica di sant’Apollinare consente
di mutare, senza autorizzazioni italiane, ‘l’assetto’, così
evidentemente intendendosi opere sulla struttura dell’edificio che
possono essere effettuate in deroga a permessi amministrativi. Come è
ovvio non sono trasferibili a beni non extraterritoriali i benefici
previsti per quelli che lo sono. Evidentemente dunque non poteva essere
trasferita lì, senza l’ottemperanza alle leggi italiane, una salma
traslata da un cimitero sul territorio del nostro paese”, aggiunge.
“Il ministro conferma che nessuna autorizzazione di quelle previste
dalla legge è stata rilasciata, mai. Anche in ragione del fatto che,
secondo le leggi italiane per eseguire queste speciali sepolture è
necessario che il defunto abbia acquisito in vita ‘speciali
benemerenze’. E non è certo il caso del Signor De Pedis, capo della
banda della Magliana”, sottolinea Veltroni. “Dunque questo è il primo
profilo di evidente irregolarità della anomala procedura che ha portato
alla incredibile decisione di seppellire il capo di una banda criminale
in una delle Basiliche di maggiore importanza di Roma”, dice ancora
Veltroni. “Ribadisco che per me De Pedis, come ogni cittadino, ha
diritto ad una sepoltura dignitosa. Come gli altri. Non di meno, non
certo di più – sottolinea – il ministro indica però dei nuovi
documenti, ‘pervenuti ieri’ al Ministero. Secondo queste carte, del
Comune di Roma, viene realizzata una clamorosa procedura”.
“E’
evidente ora – continua Veltroni – che per questa incredibile decisione
si sono aggirate leggi nazionali e alterate le procedure di
autorizzazione locale. Perché? Chi lo ha fatto?”, si chiede il
parlamentare. Il Ministro, prosegue, “nella conclusione della sua
lettera, fa una affermazione importante”: la decisione di informare
l’autorita’ giudiziaria. “Chi, come me, ha fiducia nella
magistratura sa che non sarà inutile. Se qualche passo in avanti si fa è
merito in primo luogo della famiglia Orlandi, di quelle trasmissioni
televisive e di quei giornali che non hanno mai smesso di cercare la
verità”.
A sorpresa nel dibattito interviene la famiglia di De
Pedis, attraverso l’avvocato. I parenti di “Renatino”, spiega il legale,
non si opporrebbero a “un eventuale spostamento della tomba del loro
congiunto, deciso dall’autorità giudiziaria o amministrativa”. E questo
“per mettere fine una volta per tutte a polemiche inutili” e a quella
sorta di “linciaggio mediatico che lo vuole per forza coinvolto nel
sequestro di Emanuela Orlandi“. Lorenzo Radogna,
legale della famiglia dell’ex boss della banda della Magliana,
ribadisce che “al punto in cui siamo è davvero improprio parlare di
giallo. L’articolo 16 del Concordato Stato-Vaticano stabilisce che ad
alcuni immobili, tra cui la basilica di Sant’Apollinare, che insistono
sul territorio italiano, la Chiesa può dare l’assetto che creda, senza
bisogno di autorizzazioni o consensi da parte di autorità governative,
provinciali o comunali italiane. L’autorizzazione del Campidoglio,
dunque, non serviva, la sola necessaria era quella del Vicariato, e a
darla fu il cardinal Poletti, ma anche questo è risaputo, i documenti
sono noti, se ne è parlato tante volte anche in tv”.
Per
l’avvocato “sarebbe anche forse il caso di ricordare che la tomba di De
Pedis non si trova nella cripta ma nei sotterranei, in una stanzetta,
direi un bugigattolo, chiuso da una porta. E se dovesse arrivare un
provvedimento che preveda lo spostamento della salma, i familiari non
farebbero storie. Anzi, ci stanno pensando seriamente. Gli stessi
familiari, del resto, non si erano detti contrari all’apertura del
sepolcro, quando sembrava che da quella apertura – ormai sfumata –
dipendesse la soluzione di tutti i misteri”.

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *