informarmy.net
Vladimir Vladimirovic Putin, noto anche come VVP
Stampa / Print
Vladimir Vladimirovic Putin, noto anche come VVP (acronimo che in russo sta anche per Prodotto interno lordo) ha vinto per 614 a 0 la nomination ufficiale del suo partito per le elezioni presidenziali di marzo. Il tutto è avvenuto con una sontuosa cerimonia, un meeting dei 614 delegati di Russia Unita, che poi hanno votato la nomination, e dei rappresentanti del Fronte del Popolo: in tutto più di diecimila persone, radunate nel palazzo dello sport di Luzhniki, in deliquio davanti alla prestazione del leader.
Per l’occasione Putin non si è risparmiato, pronunciando un discorso che ha affrontato a 360 gradi i problemi del paese, molto duro con le opposizioni liberali e polemico con gli americani che le appoggiano “buttando via i propri soldi, che farebbero meglio a usare per ripagare i debiti” invece di immischiarsi nelle elezioni altrui. Il discorso di investitura ha puntato molto su quello che bisogna correggere – e che VVP promette di correggere durante il suo mandato presidenziale – e cioè la corruzione imperante e le ingiustizie sociali. Nel pronunciare queste parole ha picchiato il pugno sul tavolo (provocando una salva di applausi e canti) ma non ha però detto come farà ad apportare i miglioramenti promessi.

Lo sfondo politico del discorso è complicato, con i sondaggi che predicono un sostanzioso calo dei consensi per Russia Unita nelle elezioni parlamentari di domenica prossima. RU aveva avuto il 64 % dei voti nelle elezioni del 2007, ora le previsioni variano da un minimo del 41 a un massimo del 57 per cento secondo i diversi istituti demoscopici: sempre una maggioranza nettissima rispetto agli altri partiti autorizzati a competere (solo due dei quali, comunisti e liberaldemocratici, sono sicuri di passare lo sbarramento del 7%) ma comunque un evidente segno di difficoltà.
Il rating elettorale di Putin, nei sondaggi, è assai più alto di quello del partito, attestandosi intorno al 70 per cento; ma molto più modesta è invece la percentuale – dice l’ultimo rilevamento, della settimana scorsa – dei russi che si dicono soddisfatti del suo operato: solo 43 su cento si fidano di quello che dice.
di Astrit Dakli


Fonte

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.