informarmy.net
Il Nuovo Ordine Mondiale Gesuita
Stampa / Print
L’articolo che leggerete sotto riporta una diversa struttura di potere mondiale rispetto a quella quella che avete appreso fino adesso dai saggi di personaggi legati al Vaticano (il Nazi Opus Dei Blondet tanto per citarne uno), e ripresa da una pletora infinita di siti e blog che in Italia hanno completamente saturato il dibattito “alternativo” sulla questione.
All’interno del nostro paese in cui tutte le cose, compreso la controinformazione, sono controllate dal Nazi Vaticano S.P.A., noi di nwo-truturesearch, già da un po di tempo e in maniera pressoché solitaria, stiamo divulgando una diversa visione del Nuovo Ordine Mondiale e della sua struttura di potere; una struttura che all’indagine rivela solide prove empiriche e che vede al vertice l’apparato Nazi-Fascista-Comunista-Socialista del Vaticano-Gesuiti.
Oltre a ciò l’articolo fornisce una diversa chiave di lettura della Grande Depressione in cui siamo precipitati dal 2008 fino ad oggi. Gli autori parlano di una lotta tra fazioni all’interno della struttura di potere Gesuiti-Vaticano-Illuminati. La Grande Depressione sarebbe il risultato di questa lotta tra fazioni. Noi di nwo-truthresearch non abbiamo ancora verificato tutte le prove a sostegno o contro questa tesi, ma la reputiamo comunque interessante e degna di approfondimento, e speriamo anche che ognuno dei lettori si prenda la briga di approfondire i temi trattati.

New World Order

Altri nomi: NWO, Elite Globale
Anno di origine: 1943, Tehran
Fondatori: Padre Edmund Walsh, S.J, Padre Joseph Stalin S.J
Quartier generale: Washington DC, Londra, Mosca
Capi dell’Organizzazione: Generali Gesuiti Provinciali
Leader Attuali: Generali Gesuiti Provinciali

Fondazione

Il Nuovo Ordine Mondiale è stato fondato nel 1943 alla prima Conferenza di Teheran tra Inghilterra, Stati Uniti e Unione Sovietica con la direzione dei Gesuiti. Esso fu riconfermato alla fine della seconda guerra mondiale, in seguito alla completa vittoria del Culto Romano che controlla la Chiesa Cattolica Romana, col ristabilimento di un efficace controllo Cattolico degli ex principati del Regno dei Franchi adesso conosciuti come Germania, Francia, Austria, Paesi Bassi e Svizzera.
Tuttavia, il termine è entrato per la prima volta nella scena pubblica nel 1949 per opera del co-agitatore Gesuita George Orwell e del il suo libro “New World Order” (1984, ndr), che fornisce un resoconto agghiacciante del mondo futuro sotto un Socialismo Cattolico globale (Fascismo).
Al suo cuore il Nuovo Ordine Mondiale è una appartenenza caratterizzata da un consorzio finanziario, politico e industriale globale costruito attorno alle sottostanti massicce attività finanziarie della Chiesa Cattolica con base a Zurigo, ancora sotto il controllo dei Gesuiti e del loro continuo monopolio come la sola organizzazione nella storia Cattolica (escludendo i Cavalieri Templari) in possesso di un documento Papale che attribuisce loro diritti esclusivi a condurre attività bancarie e finanziarie. Considerato che il Nuovo Ordine Mondiale è un consorzio di entità finanziarie, politiche, militari e industriali, la sua struttura precisa, le sue regole di funzionamento e la sua agenda rimangono difficili da confermare con precisione. Ad esempio, una dozzina di banche private in Europa e negli Stati Uniti, costituite principalmente dai Gesuiti nel 18° secolo e agli inizi del 19°, continuano a rimanere i pilastri fondamentali della finanza mondiale e del sistema di credito – le stesse banche private che hanno ritirato centinaia di miliardi di dollari di credito dal sistema finanziario globale nel 2008 e nel 2009, facendo precipitare all’interno di una depressione globale quella che era una localizzata stretta creditizia di crediti inesigibili.
Il Nuovo Ordine Mondiale mantiene anche una struttura politico militare attraverso i legami di cooperazione tra le agenzie di intelligence e i grandi produttori pubblici e privati di armi, cosicché questo apparato serva a proteggere gli interessi della Chiesa Cattolica in tutto il mondo.
Il Nuovo Ordine Mondiale rappresenta anche un discreto gruppo di aziende globali, principalmente coinvolte in settori come la farmaceutica così come gli interessi sostanziali nei media e nell’editoria, che hanno ancora una volta mantenuto la protezione dagli attacchi agli interessi Cattolici, con l’eccezione di occasionali e inevitabili scandali pubblici come quello in corso della pedofilia dei sacerdoti.

La Guerra Civile Gesuita (1942-1945)

Nel 1941, a 75 anni, il Conte Wladimir Ledochowski — Superiore Generale dei Gesuiti — era all’apice della sua supremazia, un uomo ancora in forma e completamente equipaggiato. Il suo esercito di influenti gesuiti aveva similmente raggiunto grandi vette in tutti i luoghi detenuti dai dittatori cattolici, oltre che negli Stati Uniti. Quindi, perché in un momento così sarebbe venuta fuori una guerra civile tra le fazioni dei Gesuiti?
Una delle grandi anomalie storiche è il comportamento sia di Adolf Hitler, di Padre Himmler SJ che di Padre Joseph Stalin SJ durante l’invasione nazi russa. Contrariamente ai racconti degli storici, questi uomini non solo avevano dimostrato uno spietato pragmatismo nella gestione del potere fino a quel momento, ma stavano lavorando attivamente insieme su una serie di fronti militari e scientifici fino al momento dell’invasione. Una scusa data frequentemente è quella che il fieramente Cattolico Hitler era diventato “ubriaco” di potere e decise di invadere la Russia perché odiava i russi. Ma Hitler era un soldato semplice rispetto a Padre Himmler SJ, il nuovo Grande Inquisitore della Chiesa Cattolica Romana col suo imponente esercito di assassini e torturatori.
Invece è molto più certo che il Superiore Generale dei Gesuiti Ledochowski istruì Himmler a spingere per l’assalto, facendogli capire che questo avrebbe fatto piazza pulita del Socialismo Cattolico Nazionale oltre che del Comunismo Cattolico Nazionale. Allo stesso tempo, è chiaro che il conte Ledochowski disse qualcosa di senso inverso a Padre Stalin SJ – che questo era il piano che alla fine avrebbe distrutto la Germania mentre il comportamento di Stalin contro il suo paese e le sue persone non fu altro che tradimento.
Quando Hitler invase nel giugno 1941, Padre Stalin – contro ogni altro esempio di giudizio spietato di protezione del proprio potere – invitò apparentemente le sue truppe ad essere macellate e sconfitte, rifiutando il pieno impiego dei suoi generali, quindi i generali eseguirono l’ordine ripetendo questo bizzarro processo fino quasi a Mosca.
Tuttavia, dal tetro inverno del mese di dicembre del 1941, le mascelle della Macchina Sovietica Gesuitica si serrarono pesantemente sulle gambe dell’esercito tedesco. Da questo punto in poi fu sancito il destino del sogno e della potenza nazista.
Per un fedele gesuita tedesco come Padre Himmler SJ tale inganno deliberato perpetrato da Ledochowski sarebbe stato devastante e imperdonabile. I Gesuiti avevano spostato il loro potere lontano dalla Germania, dalla Francia e dall’Italia verso l’America — per la prima volta nella storia dell’ordine.
Il 13 dicembre 1942 (a 76 anni) il Conte Wladimir Ledochowski morì improvvisamente — quasi certamente assassinato dai migliori sicari di Padre Himmler per il suo tradimento del dominio degli “Illuminati” Gesuiti tedeschi-svizzeri-francesi.
Tecnicamente questo atto immerse immediatamente i Gesuiti nella guerra civile. Con l’incapacità di convocare una Congregazione Generale fino alla fine della guerra – quando a tutti i Gesuiti è permesso di scegliere il proprio leader – il Vicario Generale Norbert de Boyne non poteva essere eletto Superiore Generale. Questo permise ai Gesuiti americani, guidati da Padre Edmund Walsh SJ, di perseguire la loro agenda insieme ad altre fazioni internazionali.
Durante la guerra i Gesuiti tedeschi-svizzeri-italiani-francesi che erano guidati da Padre Heinrich Himmler SJ rappresentavano gli “Illuminati” – la vecchia guardia che era stata tradita dal loro leader ucciso Ledochowski S.J. L’altro campo rappresentava la nuova guardia, il “Nuovo Ordine Mondiale” guidato dai Gesuiti Americani-Canadesi alleati con i Gesuiti Inglesi e persino quelli australiani.
Tra i due campi da guerra i Gesuiti rimasero “neutrali” nelle province come l’Olanda e la Spagna, ancora in lotta per la sopravvivenza contro la popolarità del Satanico Culto di devozione dell’Opus Dei Maria (Mari) promosso dal Vaticano.
E’ durante questo evento, nel quale un numero senza precedenti di Gesuiti furono uccisi, che il piano per il Nuovo Ordine Mondiale fu covato dai Gesuiti anziani come l’americano Padre Edmund Walsh SJ.
Il piano fu confermato dai funzionari Gesuiti che accompagnarono ciascuno dei leader mondiali, Roosevelt, Padre Stalin SJ e Churchill, alla conferenza a Tehran nel dicembre del 1943.
E’ li che vediamo per la prima volta la presentazione del volto pubblico del Nuovo Ordine Mondiale – un ordine di ideologie e “amici” in opposizione – capitalismo vs comunismo, ma tutti alla fine finanziati e diretti dalla stessa macchina.

Presentazione della Struttura del Nuovo Ordine Mondiale

Il Nuovo Ordine Mondiale non mantiene nessuna sede, se non la struttura esistente della Chiesa Cattolica. Né il Nuovo Ordine Mondiale mantiene archivi segreti o prende parte a incontri “segreti” in stanze rivestite da pannelli di quercia.
L’intera struttura, gli apparati e le relazioni del Nuovo Ordine Mondiale sono in gran parte sotto gli occhi del pubblico “nascosti in bella vista” e sono stati esaminati innumerevoli volte dagli investigatori e dai coadiutori che pubblicano disinformazione.
Per esempio, importanti gruppi di incontro del Nuovo Ordine Mondiale, come il Bilderberg Group e la Commissione Trilaterale, riuniscono molti dei membri del Nuovo Ordine Mondiale, ma con discussioni su argomenti che ad un qualsiasi osservatore apparirebbero in gran parte “benigni”.
Questo è particolarmente vero riguardo al nucleo presentato e alla struttura di potere del Nuovo Ordine Mondiale. Escludendo i maggiori incontri dei elementi “nascosti in bella vista”, i Provinciali Generali Gesuiti hanno diviso i loro eserciti di sacerdoti in aree specialistiche – assegnando a ciascuno il compito di coinvolgere se stesso con le persone chiave in quella zona di competenza a tal punto che le proprie relazioni e incontri sembrino sia normali che naturali.
Per esempio, se un Gesuita che è considerato come un grande avvocato ed esperto in Diritto Costituzionale si incontra con i legislatori, sembra che tutto ciò sia normale e privo di secondi fini. Quando un Gesuita è un esperto in un campo della scienza o della politica si può dire lo stesso.
Così, il vero potere del Nuovo Ordine Mondiale riposa ai livelli più bassi della struttura dei Gesuiti, con una parte dell’organizzazione gesuita che non potrà mai avere un quadro completo di ciò che è a conoscenza dei livelli più alti, a meno che essa non sia ai livelli del Generale Provinciale.
La tregua conclusiva nella guerra civile dei gesuiti è venuta sotto forma di un compromesso di potere – il Nuovo Ordine Mondiale è nei fatti una chiara e precisa piramide a sei livelli di potere.

Fazioni dei Gesuiti dell’Ordine dei Gesuiti

Papa Nero – Superiore Generale dei Gesuiti

Apparati Militari, Finanziari e Aziendali dell’Ordine dei Gesuiti

Famiglie degli Illuminati Ricostituite (sotto la struttura del nuovo ordine mondiale)

Santa Sede (con il Papa come capo)

Nazioni Unite

Sarebbe scorretto affermare che il Papa Nero è la persona più potente sul pianeta Terra. Dal 1945 il suao ruolo è stato ampiamente simbolico ed è stato detenuto da un candidato di un paese neutrale alle fazioni principali della Guerra Civile dei Gesuiti. Come tale il ruolo è stato dominato sia dal candidato Inglese che da quello Spagnolo. La forza più potente all’interno del Nuovo Ordine Mondiale sono indiscutibilmente i Generali Provinciali dell’Ordine – i leader di fazioni più anziani dei Gesuiti che continuano a mantenere una tregua dal 1945. Mentre il Superiore Generale può tecnicamente dare ordini assoluti ai suoi Provinciali, nella pratica è avvenuto il contrario per oltre sessant’anni.
Poi veniamo al terzo livello, che è l’apparato finanziario-militare, del quale parlano animatamente non poche persone che sostengono l’esistenza del Nuovo Ordine Mondiale. Tuttavia, ben pochi hanno mai sentito parlare della fondazione vera e propria del sistema finanziario globale del 19° secolo con l’oro controllato dai Gesuiti e rubato al Vaticano durante le guerre gesuite-papali per finanziare un esercito di banche private in Europa e negli Stati Uniti.
Poi arriviamo al quarto livello dell’apparato del Nuovo Ordine Mondiale, che sono gli “Illuminati” ricostituiti provenienti dagli Stati Uniti, dall’Europa e persino dall’Asia/Medio Oriente. Esse non hanno alcun controllo sui Gesuiti, ne vogliono mettere in discussione se stesse così come le loro diverse posizioni provenienti dalle Famiglie Reali, occasionali Presidenti, Primi Ministri e leader a livello mondiale, che dipendono dal favorevole patrocinio dei Gesuiti.
Il quinto livello dell’apparato del Nuovo Ordine Mondiale è la Santa Sede. Contrariamente a quanto sostiene la comune disinformazione, il ruolo del Papa è di secondaria importanza per l’apparato legale della Santa Sede — Essendo la Santa Sede il quadro giuridico che afferma la superiorità del Vaticano su tutte le altre leggi umane così come il completo dominio sugli animali (gli esseri umani sono classificati come animali attraverso le loro leggi). E’ il papato e la curia Vaticana che, rispetto ai Gesuiti, negli ultimi anni hanno intrapreso e incrementato le guerre rivelando sempre di più l’apparato del Nuovo Ordine Mondiale.
Il sesto livello sono le Nazioni Unite e l’apparato legale che riconosce la Santa Sede come uno Stato e un’entità legittima; pertanto, le sue leggi, e conseguentemente ogni legislazione nazionale, sono sottomesse alle Nazioni Unite.

La Grande Depressione 2009-2012

Nel 2008. i banchieri Illuminati sotto il controllo del Culto Romano a Zurigo usarono le loro banche e le riserve d’oro per lanciare un attacco preventivo contro il sistema finanziario controllato dai Gesuiti – scegliendo la crisi dei sub-prime come catalizzatore.
Nonostante la mancanza di vero oro alla base del moderno sistema finanziario globale creato dai Gesuiti, la creatività delle banche e dei governi era riuscita ad evitare un tracollo di maggiore indebitamento finanziario, alimentando più volte il sistema sin dalla sua creazione nel 1945.
Tuttavia, sotto la struttura di potere del Nuovo Ordine Mondiale, la Santa Sede e gli Illuminati delle città come Monaco e Zurigo sono sottomesse ai Gesuiti – come lo sono stati per 200 anni.
Utilizzando la crisi dei sub-prime, le banche controllate dal Vaticano, dalla seconda metà de 2008 e ancora all’inizio del 2009, rifiutano semplicemente di rinnovare all’interno del sistema fresche linee di credito sostenute dai veri lingotti, facendo “ingrippare” l’intero sistema finanziario.
Contrariamente alle prime notizie, ciò non sembra essere un’azione guidata dai Gesuiti, ma un’azione volontaria per conto delle famiglie degli Illuminati e del Vaticano contro i Gesuiti, nella speranza che le turbolenze sociali che ne deriveranno fisseranno le condizioni per la futura guerra.
La prova che stiamo assistendo ad una guerra all’interno della struttura di potere del Nuovo Ordine Mondiale può essere vista dai recenti straordinari commenti negativi e dirompenti provenienti dalla Commissione e dall’Unione Europea contro i piani negoziati degli Stati Uniti per uscire dalla crisi.
Non può esserci alcuni dubbio del fatto che ci troviamo nel bel mezzo della lotta di potere più grande dalla Seconda Guerra Mondiale. E’ incerto se i Gesuiti prevarranno e il sistema verrà riportato all’ordine, o se il Vaticano e gli Illuminati riusciranno a spezzare, dopo 200 anni, le catene della sottomissione forzata.

Copyright © One-Evil.org 2010. Tutti i diritti riservati

link articolo originale: http://www.one-evil.org/entities_organizations/evil_org_new_world_order.htm
traduzione: http://nwo-truthresearch.blogspot.com/

Fonte

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.