informarmy.net
MACABRA MEDICINA DI STATO: LEGGE DONAZIONE DEL CORPO POST MORTEM.
Stampa / Print

COMUNICATO STAMPA
ANNO XXVII – n. 20
21 Ottobre 2011

DONAZIONE” DEL CORPO
SPERIMENTAZIONE IN VIVO SUI “MORTI CEREBRALI”
LETTERA AI SINGOLI MEMBRI DELLA COMMISSIONE: STOP INFAME 746

Onorevole,

Sappiamo che la Commissione Affari Sociali ha adottato il Testo base unificato A.C.746 e abb., elaborato dal Comitato ristretto, ponendo il limite del 21 ottobre per gli emendamenti. Tratta di “donazione del corpo post mortem a fini di studio e di ricerca scientifica” cioè per esercitazioni chirurgiche, chimiche e radiologiche, da praticarsi sui cosiddetti “morti cerebrali” per un anno.

Premesso che il cosiddetto “morto cerebrale” è persona a cuore battente e sangue circolante, un vivo che ha perso la coscienza; premesso che in due Audizioni, nel 2005 e nel 2011, il Comitato medico scientifico della Lega Nazionale Contro la Predazione di Organi e la Morte a Cuore Battente ha documentato a codesta Commissione la criminalità insita nella proposta stessa, che non richiede cadaveri veri in arresto cardio-circolatorio e respiratorio da 12/72 ore, ma pretende la sperimentazione in vivo, stigmatizziamo che il Testo base è comunque pesantemente contraddittorio, disonesto e fuori dai parametri dell’ordinamento giuridico dello Stato, come dai seguenti commenti:
Art. 1 Si dichiara che il testo disciplina la donazione del corpo e dei tessuti e ciò contrasta la L. 91/99 che disciplina il prelievo di organi e tessuti. Inoltre il Testo omette le condizioni reali del corpo su cui si agisce in vivisezione, reiterando la parola “salma” che inganna i cittadini.
Art. 2 La promozione delle ASL a medici e pediatri (?!?) di strutture pubbliche e private, nonché la propaganda ai cittadini consegnata al volontariato, dozzinale manovalanza del potere sanitario, contraddicono l’enunciazione di “libera e consapevole scelta”. E’ certo che si produrrà voluta confusione tra donazione degli organi dopo la morte e la donazione del corpo post mortem.

Art. 3 Non è esplicitato chi dovrà raccogliere in duplice copia il testamento olografo di donazione del corpo e dei tessuti: chiunque illegalmente come per gli organi? L’ingenuo donatore sarà schedato tre volte: nel Centro di riferimento, nell’elenco speciale dello Stato civile del proprio Comune e nel Registro Nazionale dei donatori di corpo (vivo). Non è contemplata la possibilità di revoca, e la famiglia non avrà diritto di opposizione e dovrà attendere un anno per le esequie, impedendole di elaborare la morte. Il “morto cerebrale” sarà conteso tra i due gruppi d’affari: quello dell’espianto-trapianto e quello della sperimentazione in vivo per la ricerca.

Art.4 Questo testo delega al Ministro della Salute la scelta delle strutture Universitarie e delle Aziende Ospedaliere a cui riservare la vivisezione umana per studio e ricerca, che saranno anche quelle che riceveranno i colossali finanziamenti pubblici e privati. Evidente abdicazione del Parlamento ed abuso della delega al Ministro.

Art.5 La persona torturata dalle esercitazioni chirurgiche, chimiche e radiologiche, finalmente morta, dopo un anno verrà riconsegnata alla famiglia. Le spese di trasporto e di tumulazione verranno pagate dall’ASL in cui ha sede il Centro di riferimento, contravvenendo l’etica di sempre che vieta per la donazione degli organi, e quindi dei corpi, profitti o benefici diretti o indiretti per indurre i poveri a donare.

Art 6 Vi si afferma che l’uso dei corpi non può avere fini di lucro, ma in perfetta contraddizione sorge un altro tempio del profitto, a lato di quello del trapianto, dove ricercatori cinici se non veri medici trovano un posto di lavoro sicuro e ben pagato vivisezionando gli umani, come finora fatto sugli animali. Prendono i corpi gratis ma loro guadagnano/lucrano, oltre ai finanziamenti pubblici e privati.

Art.7 Con decreto il Ministro istituirà il Registro nazionale dei donatori del corpo, regolamenterà la conservazione e utilizzazione dei corpi vivi, prevedendo che i tessuti umani vadano a favore delle bio-banche. Grossa contraddizione affermare che le bio-banche siano per ricerca e non per profitto.

Art. 8 Per l’attuazione, la spesa per il 2011 sarà di 10 milioni di € (20 miliardi di lire), che saranno tolti dal fondo della sanità. Non male come business!

Muovendo soldi e corpi la classe dirigente istituzionalizza i propri affari, mentre al popolo si chiedono sacrifici fisici e pecuniari e l’IVA sale al 21%. E’ meglio destituire la Commissione Affari Sociali se non serve ad una onesta visione e a fermare l’infame proposta n. 746!

Comitato Medico Scientifico,

Prof. Dr. Massimo Bondì,

L. D., Patologo e Chirurgo generale

Presidente
Nerina Negrello
http://www.antipredazione.org/

Può sostenere la nostra Associazione diventando socio o dando un libero contributo:

Conto Corrente Postale n° 18066241 intestato a Lega Nazionale Contro la Predazione di Organi

– Bonifico bancario IBAN IT35 S076 0111 1000 0001 8066241 su conto corrente presso Banco Posta

Assegno Bancario non-trasferibile intestato a Lega Nazionale Contro la Predazione di Organi

Se non desidera ricevere i nostri comunicati, ai sensi del D. Lgs. 196/03, risponda a questa e-mail “rimuovere”. Grazie

Fonte

Tag

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.