informarmy.net
Le idee di "Io" e "Mio" sono la radice della Sofferenza del Mondo

Stampa / Print
DI NISARGADATTA MAHARAJ 66892_1708819208181_1469113262_31804789_5493246_n In un posto o nell’altro, in una forma o nell’altra, c’è sempre una guerra. Si è mai dato un tempo senza guerre? Cerca il colpevole all’interno. Le idee di ” io ” e ” mio ” sono alla radice d’ogni tensione. Liberatene e sarai fuori del conflitto. Contesa e lotta sono parte dell’esistenza. Cerca allora il responsabile dell’esistenza, questa è la risposta finale: niente è. Tutto appare momentaneamente nel campo della coscienza universale; la continuità di nome e forma è solo mentale, e facilmente vanifica. Chi è responsabile? Tutti e nessuno. Il mondo è il suo contenuto, e ogni cosa influenza tutte le altre. Tutti uccidiamo, e tutti moriamo insieme all’ucciso. Ogni evento ha parecchie cause e produce innumerevoli effetti. Inutile tenere i conti, nulla è rintracciabile. In realtà siamo tutti creatori e creature l’uno dell’altro, infliggiamo e portiamo il fardello reciproco. Nell’ignoranza siamo innocenti, nelle azioni, colpevoli. Pecchiamo senza saperlo e soffriamo senza comprendere. La nostra sola speranza è: fermarci, guardare, capire e svincolarci dalla trappola della memoria. Perché essa nutre l’immaginazione, che a sua volta produce il desiderio e la paura. La luce della coscienza attraversa il film della memoria e proietta le immagini sul cervello. Ma poiché questo è carente e caotico, percepisci in modo distorto e influenzato dai sentimenti di piacere e dispiacere. Metti in ordine il tuo modo di pensare, sfrondalo degli eccessi emotivi, e vedrai le persone e le cose come sono, con chiarezza e compassione. Il testimone della nascita, della vita e della morte, del dolore e dell’amore, è unico. Amiamo l’esistenza che nella sua limitazione e separazione è dolorosa, e allo stesso tempo la odiamo. Lottiamo, uccidiamo, distruggiamo la vita e i beni, tuttavia siamo capaci di affetto e sacrificio. Nutriamo teneramente il figlio e anche l’orfano. Siamo pieni di contraddizioni. Eppure ci aggrappiamo alla vita. Alla radice dell’esistenza c’è proprio questo aggrapparsi, benché sia poi del tutto superficiale. Ci avvinghiamo a qualcosa o a qualcuno con tutto le forze e il momento dopo lo dimentichiamo, come un bambino che fa le sue formine di fango, e subito le abbandona. Toccagliele: strillerà di rabbia; distrailo, e le dimenticherà. Perché la nostra vita e l’amore per essa, è ora. Amiamo l’altalena dei dolore e dei piacere, i contrasti ci affascinano. Per questo ci occorrono gli opposti e la loro distanza apparente. Per un po’ ne godiamo, poi ce ne stanchiamo e invochiamo la pace e il silenzio del puro essere. Il cuore cosmico batte incessantemente. Io sono il testimone e anche il cuore. Il pittore è nel quadro. Ma tu prima lo isoli dal quadro e poi lo cerchi. Non separarlo e non porre falsi problemi. Le cose sono come sono, e nessuno in particolare ne è responsabile. L’idea di responsabilità personale viene dall’illusione che ci sia un attore: “Qualcuno deve averlo fatto, qualcuno ne è responsabile”. La società com’è ora, col suo schema di leggi e costumi, si fonda sull’idea di una personalità separata e responsabile; ma questa non è che una fra svariate strutture sociali. Prendi ad esempio il bambino. L’ “io sono” non si è ancora espresso, la personalità è appena abbozzata. Ha pochi ostacoli alla conoscenza di sé, ma gli mancano la chiarezza e la forza della consapevolezza, la sua ampiezza e profondità. Col passare del tempo, alla crescita della consapevolezza si accompagna anche quella della personalità latente, che tende a oscurare la consapevolezza e a complicare l’insieme. Come la fiamma è tanto più gagliarda quanto più duro è il legno; così, quanto più forte è la personalità, tanto più brillante sarà la luce sprigionata dalla sua distruzione. Solo una società altruista, basata sulla spartizione, può essere stabile e felice. Questa è l’unica soluzione pratica. Se non la vuoi, fa’ la guerra. Comunque la metti, le cose non cambiano. La società è costruita sui moventi. Metti nelle fondamenta la buona volontà e non ti occorreranno assistenti sociali specializzati.

L’articolo ti è piaciuto? dagli visibilità Cliccando su OK!!


Fonte

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.