informarmy.net
Il Falso Tempo della Storia – G. Conforto
Stampa / Print
“Ho studiato astrofisica e amato l’astrologia, rispettato la spinta interiore verso una ricerca che non si adegua ai canoni prestabiliti, ma vuole, anzi esige, verità. Ho avuto sempre l’intima certezza che quella apparente è solo un’effimera illusione.

Non è stato facile.

Studiando fisica trovavo molti dati che confermano l’esistenza di infiniti mondi, ma la comune interpretazione era molto diversa dalle mie sensazioni.

Ad un certo punto della mia vita ho capito che non potevo convincere nessuno, ma potevo solo cercare dentro di me. I miei sogni sono stati una guida importante… Nel ’91 un sogno mi indicò l’apertura della “porta” tra due universi, tra quello visibile, illusorio, e quello invisibile, reale… Cominciai a ricordare le mie vite passate, ero anche capace di suscitare simili ricordi negli altri. Ero diventata una sorta di “maestra”, ma sentivo che c’era ancora molto da scoprire…

Un altro sogno mi indicò finalmente la “via” dell’evoluzione, “via” che poi diventò realtà: l’uso pratico della FORZA, la risorsa infinita che attiva le facoltà latenti, l’Energia necessaria per sentire, vedere e partecipare agli infiniti mondi… Ho così scoperto che non esistono veri misteri, ma solo nomi che ingannano. Oggi possiamo uscire dalla matrix, sviluppando i propri talenti e rispettando la vera Volontà, quella interiore…”

Tratto dal sito web della prof. Giuliana Conforto.

——

Interessante intervista rilasciata a Radio Gamma in cui la ex docente di meccanica classica e quantistica, astrofisica ‘eretica’ Giuliana Conforto, disserta del concetto di Tempo e della sfilza di semplicismi (compresa la comune percezione del passato e della morte) con cui tale affascinante mistero tende ad essere ‘frainteso’ dalla cultura dominante.

Buon ascolto.

Fonte

About the author

Related Post

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.